Home / Esclusive / ESCLUSIVA MB – “La Juve, l’amore per Del Piero, Dybala e la Champions…”. Mister Italia 2016 si racconta

ESCLUSIVA MB – “La Juve, l’amore per Del Piero, Dybala e la Champions…”. Mister Italia 2016 si racconta

Il tifo bianconero lo ha nelle vene fin da bambino. Si respirava in casa, con i genitori di fede juventina e lo ha coltivato negli anni giocando a calcio. Paolo Crivellin, 25 anni, capelli castani e sguardo magnetico, è il nuovo Mister Italia 2016, eletto il 18 settembre al teatro Circus di Pescara. Agente assicurativo, con la passione per il cinema e per lo sport, Paolo vive a Torino. E proprio l’impegno e la determinazione, tipici di uno sportivo, lo hanno portato a vincere la concorrenza di altri 29 finalisti, in un concorso dove bisognava dimostrare non solo di essere belli, ma anche di saper ballare, cantare e recitare.

Da dove è nata la passione per la Juve e perchè proprio Del Piero è il tuo calciatore preferito?

“La passione per la squadra è nata in famiglia, di tradizione bianconera, e nel tempo si è rafforzata guardando e ammirando alcuni campioni juventini, che cercavo a mia volta di imitare, praticando fin da piccolo il calcio a livello dilettantistico e agonistico. Tra questi un posto di primo piano ha sempre occupato Alessandro Del Piero per la sua tecnica, la sua visione del gioco, la sua precisione, ma anche e soprattutto per la sua personalità, il suo atteggiamento, mai saccente o sfrontato; un campione che sa essere allo stesso tempo famoso e riservato, mantenendo il giusto equilibrio tra i successi sportivi e la quotidiana vita personale e familiare. Senza dimenticare, tra l’altro, le comuni radici venete con la mia famiglia”.

Vedi un erede di Del Piero nei campioni bianconeri di oggi?

“Non è facile trovare in tempi brevi un suo erede, forse un campione come Dybala potrebbe avere gli ingredienti giusti per porsi sulla sua scia, ma è ancora presto per dirlo”.

Segui sempre la Juve, vai allo stadio a vederla?

“Non vado spesso allo stadio, ma nel limite del possibile cerco di seguire tutte le partite disputate dalla squadra”.

Qual è la tua gioia più grande relativa alla Juve?

“La soddisfazione più grande è stata la vittoria dello scudetto 2011-2012, in cui si è vista una Juve che, guidata da Antonio Conte, ha voluto fermamente rinascere dopo la disavventura della serie B, una vicenda peraltro che ha sollevato non pochi dubbi e polemiche sul modo nel quale si è conclusa”.

Dove pensi possa arrivare la Juve quest’anno sia in Campionato che in Champions League?

In Campionato, salvo vistosi cali di tensione, non dovrebbe essere troppo difficile riuscire a conquistare un nuovo scudetto, che sarebbe anche il sesto consecutivo e quindi un nuovo primato. In Champions League non è così, anche se con la dovuta concentrazione e un po’ di fortuna, che è mancata invece nell’ultima stagione, è un traguardo che si può raggiungere. Mi sembra realistico considerare oggi la Juventus una tra le quattro squadre più forti in Europa”.

Sei uno sportivo, ami il surf e la pesca. Li pratichi a livello amatoriale o professionale? Cosa ti ha dato e insegnato lo sport?

“Pratico questi sport a livello amatoriale. Mi ha sempre attirato il mare. La pesca mi aiuta a rilassarmi , passo ore in silenzio di fronte al mare. Mentre cavalcare le onde con un bodyboard offre una sensazione unica, mi sento trasportato e avvolto in una scia misteriosa, sempre nuova. Un po’ come lo sport, sempre uguale e sempre nuovo nello stesso tempo, che può senz’altro diventare formativo per il carattere, la determinazione nell’impegno, l’attenzione e il rispetto dell’avversario aiutando così a superare le difficoltà e raggiungere nuovi traguardi”.

 

Check Also

RASSEGNA STAMPA, Le prime pagine dei quotidiani sportivi

Queste le prime pagine dei principali quotidiani sportivi oggi in edicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.