Home / News / JUVENTUS: le quattro formazioni bianconere più forti mai esistite

JUVENTUS: le quattro formazioni bianconere più forti mai esistite

La rosa della Juventus di quest’anno sta facendo sempre più crescere le speranze dei tifosi di arrivare a poter sollevare, dopo più di vent’anni, la coppa dalle grandi orecchie. Nel corso della storia di questa società, molti campioni indimenticabili hanno vestito i colori bianconeri, regalando molte gioie ai tifosi non solo grazie ai trofei da loro vinti, ma anche allo splendido 11 schierato in campo. Abbiamo analizzato le 3 Juventus più forti a nostro avviso, ovvero quelle delle stagioni ’84/85, ’95/96 e 2004/2005, per poi creare, assieme a quella di quest’anno, la formazione più forte di tutti i tempi.

Juventus 1984/85:

Titolari 4-3-3: Tacconi; Scirea(C), Brio, Cabrini, Favero; Bonini, Tardelli, Platini; Rossi, Briaschi Boniek

Allenatore: Giovanni Trapattoni 

La Juventus definita più forte di tutti i tempi da molti. Di questa scuola di pensiero rientra anche il capitano attuale bianconero, Giorgio Chiellini. Nel 1984, un anno dopo il ritiro di uno dei portieri più forti mai esisti come Dino Zoff, e con quattro campioni del mondo nell’82 in rosa (Cabrini, Scirea, Tardelli e Rossi) vinse per la prima volta nella storia delle squadre italiane la Supercoppa UEFA, battendo il Liverpool con una doppietta di Boniek, dopo essersi aggiudicata, nella stagione precedente, la Coppa delle Coppe contro il Porto. Distratta dal cammino in Champions, questa Juve non vinse il campionato, ma arrivò a giocare ed ad aggiudicarsi la coppa dalle grandi orecchie, nuovamente a discapito dei già battuti 4 mesi prima, Reds. È però questa la finale più triste, perché è quella che ancora oggi purtroppo viene ricordata come la strage di Heysel, dove persero la vita 39 tifosi, di cui 32 italiani e rimasero ferite 200 persone.

Juventus 1995/96

Titolari 4-3-3: Peruzzi: Ferrara, Pessotto, Torricelli, Vierchowod; Sousa, Deschamps, Conte; Vialli (C), Del Piero, Ravanelli 

Allenatore: Marcello Lippi

Una stagione a due facce potremmo dire: vincitori nella passata stagione del Campionato e Coppa Italia, non riescono a ripetersi, durante questa stagione. Il titolo di campioni d’Italia lo vince il Milan di Capello, mentre invece l’altro trofeo viene invece vinto dalla Fiorentina. Le gioie però, in questa stagione, non mancano: la Juve si aggiudica nel gennaio 1996 per la prima volta nella sua storia, la Supercoppa Italiana, battendo il Parma al Delle Alpi, e ad alzare, 11 anni dopo, la coppa dalle grandi orecchie, battendo in una sfavillante finale l’Ajax. La squadra olandese era la favorita: poteva contare su giocatori come Van der Saar, Silooy, Frank De Boer, Edgar Davids e Litmanen. Dopo l’1-1 ottenuto nei tempi regolamentari e con il risultato bloccato durante i supplementari, si arrivò ai rigori, dove gli errori di Davids e Silooy e i quattro centri dei giocatori bianconeri, fecero sì che la squadra allenata da Lippi potè aggiudicarsi e sollevare al cielo il tanto ambito trofeo.

Juventus 2004/2005

Titolari 4-4-2Buffon, Zambrotta, Thuram, Cannavaro, Pessotto; Camoranesi, Emerson, Appiah, Nedved; Del Piero (C), Trezeguet

Allenatore: Fabio Capello 

Non potevamo non definirla come una delle 3 Juventus più forti, visti i nomi presenti in rosa. Nel 2004 in bianconero arrivò anche Zlatan Ibrahimovic a completare quella che era già una squadra di campioni. Lo stesso svedese ricorda così il suo primo anno alla Juve: “Arrivo alla Juventus e negli spogliatoi vedo Del Piero, Trezeguet, Cannavaro era al mio fianco, Nedved, Thuram… c’erano tuttiEra come giocare a Fifa che tu metti una squadra insieme, il tuo ‘Dream Team’, però adesso c’ero io nel ‘Dream Team’.  Prima delle partite nel tunnel al nostro fianco c’era l’altra squadra e già lì notavo che non avevano paura ma rispetto, come se dicessero questa è persa. Già li eravamo praticamente avanti 1-0″. Nonostante l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano dell’Atalanta ed estromessa ai quarti di Champions dal Liverpool, questa squadra riuscì ad aggiudicarsi lo Scudetto, prima ancora di scendere in campo per disputare il match della 37esima giornata. Il Milan, contendente al titolo e a -3 dai bianconeri – dopo lo scontro diretto perso alla 35esima giornata con il gol capolavoro in rovesciata da parte di Trezeguet – pareggiò contro il Lecce, facendo sì che la squadra di Capello potè aggiudicarsi il titolo di Campioni d’Italia. Titolo che verrà poi revocato l’anno dopo, alla luce della sentenza del processo di Calciopoli.

Juventus 2018/19

Formazione 4-3-3: Szczesny; Cancelo, Chiellini (C), Bonucci, Alex Sandro, Pjanic, Matuidi, Bentancur; Cristiano Ronaldo, Dybala e Mandzukic

Allenatore: Massimiliano Allegri

Ed eccoci infine giunti alla Juventus odierna, quella che può contare sul 5 volte pallone d’oro Cristiano Ronaldo. Da 7 anni ormai detentori del titolo di campioni d’Italia, in questa stagione hanno collezionato, fin qui, un solo pareggio in Serie A, quello contro il Genoa, e due sconfitte in Champions, maturate contro il Manchester United e lo Young Boys. Nonostante ciò, la Juventus è prima in campionato a +8 dal Napoli secondo, ed è definita una delle favorite per aggiudicarsi la coppa dalle grandi orecchie. Agli ottavi troverà l’Atletico Madrid, squadra ostica che ha fame e voglia di giocarsi la finale, prevista tra l’altro, proprio nel suo stadio. Tutto il popolo bianconero spera di poter vedere, dopo tutti questi anni, sollevare al cielo quel trofeo che manca da così tanto, e questa squadra, secondo noi, ha tutte le carte in regola per poterlo fare.

Abbiamo provato, considerando le differenze di anni, a creare la Juventus più forte di tutti i tempi mescolando i giocatori elencati nelle quattro rose precedenti.

Formazione 3-4-3: Buffon; Cannavaro, Scirea(C) Chiellini; Nedved, Platini, Deschamps, Di Livio; Cristiano Ronaldo, Boniek e Del Piero 

Allentore: Marcello Lippi 

Check Also

SERENI, “Lippi mi rovinò la carriera”

Intervistato da gianlucadimarzio.com, Matteo Sereni porta alla luce un retroscena in chiave Inter. “Nel 1999 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.