Home / DayXday / PAGELLE MB – Higuain, è la tua notte! Asamoah e Douglas Costa da applausi. Allegri ingabbia Sarri
slide_higuain_05

PAGELLE MB – Higuain, è la tua notte! Asamoah e Douglas Costa da applausi. Allegri ingabbia Sarri

BUFFON 6,5 – Dopo la partita con il Barcellona e quella con il Crotone, la Juventus chiude la porta per la terza gara consecutiva. Non banale, soprattutto se dall’altra parte c’è il Napoli, il miglior attacco del campionato. Il Capitano bianconero ci mette la manona, prima su Hamsik e poi su Insigne. Tante le uscite sui corner, così come i palloni toccati con i piedi. Rischia, ma alla fine ha ragione lui

 

DE SCIGLIO 6,5 – Dopo il primo gol fra i professionisti segnato contro il Crotone, l’ex Milan parte nuovamente dal 1′. Dalle sue parti si aggira un certo Insigne, ma lui lo contiene bene, concedendogli solo tiri sporchi. Imperdonabile l’errore con cui, per poco, Mertens non pareggia i conti. Ma il ragazzo sta crescendo, anche in personalità

 

BENATIA 6,5 – Altra prestazione molto positiva da parte del marocchino, che sbaglia pochissimo in una partita in cui è chiamato costantemente in causa. Non può che essere così quando davanti hai Mertens, ma il belga non crea molte preoccupazioni e il merito è anche suo. Pericoloso anche in zona gol, quando al ventesimo del primo tempo si coordina al volo nell’area azzurra mandando, però, alto.

 

CHIELLINI 6,5 – Qualche errore di troppo per il centrale livornese, che però ci mette tutta la grinta e i muscoli di questo mondo. Limita Mertens aiutando Asamoah a chiudere a sinistra Callejon. Sbaglia qualche pallone di troppo, perché ne tocca tantissimi senza essere un regista, ma questo lo sappiamo tutti. Partita di cuore

 

ASAMOAH 7,5 – Allegri preferisce la sua attenzione ad un Alex Sandro non proprio in forma. L’esterno bianconero lo ripaga con una prestazione precisa e molto attenta, tanto che Callejon non riesce a rendersi pericoloso. Dopo entra Ounas, ma la musica non cambia. Diagonali perfette per una difesa che non fa acqua. E se il Napoli chiude a zero il merito è anche suo

 

MATUIDI 7 – Corre come un dannato, fa densità in mezzo ma lo trovi anche largo a portare palla. Sfiora il gol del raddoppio intorno all’ora di gioco, ma sul suo sinistro al volo Reina è prodigioso. Il francese è ovunque

 

PJANIC 6,5 – Fa fatica, soprattutto all’inizio. Perde subito un paio di palloni molto pericolosi, poi abbandona l’estetica a favore della quantità. Al San Paolo, infatti, c’è più da difendere che da impostare. Da’ una grande mano nelle retrovie, con qualche tocco di rapidità per la manovra bianconera. Serve una palla al bacio per Matuidi, ma Reina si supera

 

KHEDIRA 6 – Partita di enorme sacrificio per il tedesco, impegnato a chiudere ogni linea di passaggio possibile. Non riesce ad essere pericoloso, ma i suoi muscoli in mezzo ai piccoletti del Napoli tornano molto utili ad Allegri. DAL 67′ MARCHISIO 6 – Entra in una partita difficile, dove bisogna essere concentrati fin da subito perché compromettere tutto è questione di poco. Lui ha esperienza e non tradisce, contribuendo alla resistenza all’assedio finale degli avversari

 

DOUGLAS COSTA 7 –  Conferma il suo straordinario momento di forma, rubando la palla del vantaggio per poi condurla e servire Dybala, che a sua volta manderà in porta Higuain. Prova ad impensierire Reina alla mezz’ora, condendo il tutto con qualche scatto che fa respirare i compagni. DAL 78′ CUADRADO  – S.V

 

DYBALA 6,5 – Illuminante l’assist con cui serve Higuain per il gol del vantaggio bianconero. Qualche azione dopo ruba palla ad un impreciso Albiol ma, invece di servire di nuovo il Pipita, va alla conclusione. Palla alta sopra la traversa. Poi soffre la pressione azzurra, con la Joya che non riesce a far salire i suoi con qualche errore tecnico di troppo.

 

HIGUAIN 7,5 – Non doveva esserci, ma questo è il suo stadio. E questa doveva essere la sua notte. Nel riscaldamento sfida il pubblico del San Paolo, che lo fischia come sempre. Ma lui non ha paura e gli bastano due palloni per trafiggere Reina (che prima lo aveva murato) e portare la Juventus a un punto solamente di distanza dalla vetta. Gli puoi levare anche una mano, ma non il suo destro. Quello proprio no, serve in serate come questa

 

ALLEGRI 7 – Capolavoro tattico quello dell’allenatore livornese, che ingabbia la squadra di Sarri, portando a casa tre punti fondamentali. Delle volte non importa essere belli esteticamente, ma efficaci. La Juventus non incanta, senza dubbio. Però oggi serviva altro. Giustissima la mossa Asamoah, che al momento da’ molte più garanzie rispetto ad Alex Sandro. Il cambio di modulo si dimostra azzeccato, con un centrocampo più folto che fa molta densità aiutando la difesa. La Juve c’è e oggi lo ha dimostrato. Adesso l’Inter, altra gara a dir poco delicata.

 

Check Also

juventus-mascotte-zebra-settembre-2015-ifa

Fiorello: “Juve-Inter noiosa, i bianconeri si meritavano la vittoria”

Rosario Fiorello, grande tifoso dell’Inter, ha parlato del derby d’Italia a Radio2, durante la trasmissione ‘Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *