Home / editoriale / Pagelle MB – La Juventus batte il Verona in un clima di festa. Standing Ovation per Gigi Buffon, il numero uno dei numeri uno
slide_festajuve02

Pagelle MB – La Juventus batte il Verona in un clima di festa. Standing Ovation per Gigi Buffon, il numero uno dei numeri uno

Buffon 6.5: Questa è la sua partita, dopo 17 anni di carriera alla Juventus. Si fa trovare pronto al 15′ su un tiro a giro di Fares, poi, nella ripresa, si prende la standing ovation di tutto lo stadio. Un tributo meritato per un campione immenso, che ha fatto la storia dei bianconeri e che difficilmente sarà rimpiazzabile – sul piano umano – all’interno dello spogliatoio. Dal 63′ Pinsoglio 6: Un paio di interventi e un gol subito da Cerci, su cui poteva fare ben poco. Oggi c’è gloria anche per lui.

Lichtsteiner 6.5: Come il numero uno, anche per lui oggi l’ultima partita in bianconero, poi andrà via in scadenza. Prova a tutti i costi la rete, per chiudere un ciclo iniziato sette anni fa. Sua, infatti, la prima rete storica siglata all’Allianz Stadium in quel Juventus-Parma di quel lontano 11 Settembre del 2011. Ci si mette soprattutto Nicolas a dirgli di no, neutralizzando anche il calcio di rigore. Esce nei minuti di recupero per prendersi la meritata standing ovation.

Barzagli 6.5: Partita senza troppe difficoltà, l’esperto centrale gestisce in tutta tranquillità il pomeriggio di festa della sua squadra.

Rugani 7: Altra prova convincente, nonostante il valore e le motivazioni dell’avversario. Come il collega di reparto, partita senza sbavature. Si toglie anche la soddisfazione del gol, che sblocca la partita e la incanala sui binari giusti.

Alex Sandro 6: Gara senza infamia né lode, accompagna costantemente la manovra offensiva e cerca di rendersi pericoloso. In fase difensiva, però, commette qualche errore e spesso arriva in ritardo sui portatori di palla avversari.

Sturaro 6: Tanta voglia e tanta quantità, il centrocampista lotta su ogni palla. Subisce anche un brutto colpo alla testa in seguito alla traversa di Dybala e questo, forse, lo costringe ad abbandonare il campo proprio allo scadere dei primi 45′. Dal 43′ Bentancur 6.5: Entra con grande voglia di mettersi in mostra e pressa con grandissima convinzione i veronesi. Ha anche l’occasione, proprio allo scadere del primo tempo, di sbloccare la partita, ma stoppa male e non riesce a calciare in porta.

Pjanic 6.5: Partita tranquilla anche per lui, illumina con qualche giocata e, soprattutto, con il gol del raddoppio: pennellata perfetta che scavalca la barriera e si insacca in rete.

Marchisio 6.5: Il principino ci mette tanta intensità e, a più riprese, cerca la rete. La più pericolosa è quella all’80’: potente botta da fuori, ma l’estremo difensore avversario gli dice “no”.

Dybala 6.5: Tante giocate di classe, prima cerca il gol con un tiro potente ma centrale al 25′. Poi, dopo un ottimo scambio con Mandzukic, calcia sul primo palo con la sfera che termina di un soffio fuori. Quando l’orologio segna il 40′, invece, la giocata che da sola vale il prezzo del biglietto: tocco sotto da posizione defilata e palla che si infrange sulla parte bassa della traversa e rimbalza fuori. Nel secondo tempo, invece, si procura la punizione da cui nasce il gol del raddoppio di Pjanic.

Douglas Costa 7: Non la sua miglior prestazione, ma quando parte è imprendibile. Tanti cross e tante giocate, lo Stadium gli tributa la giusta ovazione al momento della sostituzione. Dal 65′ Higuain 6: Poche giocate, entra a partita praticamente in cassaforte.

Mandzukic 5.5: Prova in tutti i modi a sbloccare la partita, prima con un colpo di testa centrale e poi con un gran tiro al volo, neutralizzato dal portiere veronese. Sempre nel primo tempo ci prova con un’altra conclusione, che stavolta termina alto. Nel secondo tempo sparisce un po’ dal campo.

Allegri 6.5: Oggi è tranquillo, non si sgola e si gode lo Stadium. Addirittura saluta lo stadio ad uno dei tantissimi cori a lui dedicati e concede la standing ovation a Buffon e Lichtsteiner.  

Check Also

slide_seriealogo_01

Lega Serie A, ufficiali le date per il prossimo campionato

Ecco le date della prossima Serie A 2018/2019: La Lega Serie A, attraverso un comunicato, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *