Home / News / SASSUOLO, De Zerbi: “Juve senza punti deboli. A Torino per fare punti”

SASSUOLO, De Zerbi: “Juve senza punti deboli. A Torino per fare punti”

Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, ha incontrato i giornalisti alla vigilia del match contro la Juventus. Queste le sue parole riportate da tuttosassuolocalcio.com
Inedito scontro al vertice per il Sassuolo: “Lo è perchè lo dice la classifica, ma non lo è per i valori. Abbiamo fatto tre partite buone, abbiamo sette punti meritati. Andiamo a Torino a giocare la partita per cercare di fare punti, non con l’idea di non avere nulla da perdere, altrimenti abbiamo già perso in partenza”.

Sulla sosta: “Abbiamo lavorato bene, abbiamo dato i giorni di stacco necessari a riposarsi, abbiamo preparato tutto quello che si poteva preparare, sapendo che affrontiamo la squadra più forte del campionato e probabilmente anche d’Europa quest’anno. Ma l’attenzione nella preparazione è massima sempre, non solo contro la Juve, cerchiamo di non tralasciare nessun dettaglio. Durante la sosta abbiamo recuperato Magnanelli, Djuricic e Boga e chi era un po’ indietro per condizione fisica, l’ha sicuramente migliorata”.

L’Allianz Stadium è l’unico campo in cui il Sassuolo non ha mai fatto punti in A: “Credo che questa sia una società di persone per bene e sia una squadra di giocatori di grandi valori. Spero che chi è qua da anni si porti dietro le sconfitte pesanti degli anni passati e chi come me è arrivato quest’anno abbia voglia di far punti, sapendo che i valori sono diversi e che dobbiamo sperare in una giornata non brillante della Juve per fare risultato. Noi dobbiamo essere al 100% e fare anche meglio di quanto fatto fino ad oggi”.

Sulla formazione: “Dico quello che ho detto anche ai giocatori stamattina, possono giocare tutti. E’ chiaro che nella mia testa un blocco di 6-8 giocatori c’è sempre, poi dipende dalla partita, dall’avversario, dallo stato di forma…in base a questo faccio modifiche e alternanze per fare sentire tutti protagonisti. Fino adesso hanno giocato in tanti, giocatori che hanno fatto bene poi sono stati fuori la partita dopo, perchè ne ho tanti capaci e devo essere bravo a sfruttarli tutti”.

Su Cristiano Ronaldo: “E’ uno dei primissimi a livello mondiale, ma la Juve non è solo Cristiano Ronaldo, ridurla solo a lui è sbagliato. Affrontare questa partita col piglio giusto sarebbe motivo d’orgoglio, speravo di affrontare la Juve più avanti, ma la affrontiamo adesso ed è un esame per noi, sul pullman sale solo chi sogna di fare risultato”.

Carnevali ha parlato di obiettivo Europa League: “L’a.d. è la persona che più di tutti mi ha voluto qua ed è la persona che più di tutti vive di un entusiasmo e di un trasporto contagiosi. La realtà dice che siamo un gruppo giovane, secondo solo alla Fiorentina per gioventù, con giocatori molto forti in prospettiva. Quando capirò il reale valore e il reale potenziale sarò il primo a espormi, è giusto che chi ci sta intorno abbia questo entusiasmo, noi in campo dobbiamo pensare alla realtà e a quello che possiamo migliorare”.

Sulla Juve: “E’ la squadra più forte tecnicamente ma anche per mentalità, la Juve non prende sotto gamba nessuno. Sarà una partita di sofferenza, non si può comandare il gioco a Torino per 90′, ma la voglia di giocarcela deve essere condizione imprescindibile. La Juve non ha punti deboli, a meno che non incappi in una giornata no e noi in quella perfetta”.

Queste ripetute voci che parlano di “Scansuolo” danno fastidio: “Quando ero piccolo io si andava nei bar e ognuno riversava lì i propri problemi, ora avviene sui social, solo che nei bar uno ci metteva la faccia, sui social no. Se la Juve ha vinto tutti questi scudetti, significa che non ha vinto solo la partita col Sassuolo. Conoscendo questa società non ho nessun dubbio, per quanto riguarda me, l’anno scorso col Benevento non abbiamo regalato niente a nessuno da retrocessi. Queste voci ci sono, danno fastidio ma ce le dobbiamo far scivolare addosso, quando non c’è un regolamento, ognuno purtroppo può dire quello che vuole”.

Check Also

GOAL.COM, Lenglet: “Nel 2012 sfiorai la Juve, ma…”

Clement Lenglet, difensore del Barcellona, ha rivelato un retroscena di mercato relativo al 2012 nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.