Home / juventus women / WOMEN, la Juventus parte in… sesta. Uragano in campionato con vista Champions
Immagine dal profilo Twitter ufficiale della Juventus Women

WOMEN, la Juventus parte in… sesta. Uragano in campionato con vista Champions

Non poteva andare meglio: un sonoro 6-0 al Chievo Verona all’esordio in campionato e subito grandi conferme e spunti di riflessione per quanto riguarda la Juventus Women. Una partita mai in discussione, aperta dalla solita Barbara Bonansea, già al terzo centro in stagione in due partite ufficiali, dopo la doppietta al Brondby. Poi doppietta di Girelli e gol di Aluko, Galli e Sanderson. Quest’ultima, al primo gol in maglia bianconera (come Girelli e Aluko), scaccia via le ansie e ritorna al gol dopo l’infortunio: una gran botta sotto la traversa dopo un rimpallo fortuito, imparabile per il portiere ospite. L’inglese, tra l’altro, era subentrata nella ripresa e ha trovato il gol quasi subito. Ma, in generale, tutti i nuovi acquisti hanno disputato una grandissima partita: Sikora ha servito tanti palloni invitanti e tre assist decisivi; Girelli ha deliziato il pubblico con grandi giocate e una doppietta; Aluko un gol e un assist decisivo.

Stesso discorso dello scorso anno – e che in parte vale anche per la Juventus di allegriana memoria –, la forza delle Women sembra essere la duttilità delle proprie giocatrici. Da Ekroth, difensore, schierata a centrocampo contro il Brondby, a Sikora, impiegata a centrocampo contro i danesi e terzino destro contro i veneti, passando per Girelli, che può giocare sia a centrocampo che in attacco. Una prova di forza da parte delle ragazze di Rita Guarino, che domani sono attese dalla trasferta in Danimarca per centrare la prima storica qualificazione agli ottavi di Women’s Champions League. Per ottenerla servirà almeno un pareggio con due gol fatti, dopo il 2-2 casalingo dell’andata: impresa tutt’altro che semplice. Sarà una partita diversa, molto più impegnativa rispetto a quella di Domenica, ma le bianconere hanno iniziato a mettere minuti nelle gambe e a conoscersi meglio. La sensazione è che, dopo l’inizio traumatico della partita di andata, le ragazze abbiano rotto il ghiaccio e si siano liberate dal peso di giocare nella più grande competizione europea per club. Ma è chiaro: per passare il turno servirà la partita perfetta e occorrerà non ripetere gli errori difensivi della partita casalinga.

Check Also

DE LAURENTIIS: “Scudetto? Nel calcio tutto è possibile. Basta un passo falso della Juve e…”

A margine dell’elezione di Gravina come presidente della FIGC il presidente del Napoli Aurelio De …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.