Home / News / Zaza, altro che relax. In due settimane si gioca tantissimo
Zaza 4

Zaza, altro che relax. In due settimane si gioca tantissimo

Se Massimiliano Allegri cerca un anti-relax per il finale di stagione, l’idea giusta potrebbe essere Simone Zaza. L’ex Sassuolo sarà anche un ragazzo simpatico e divertente, come non perdono di sottolineare i compagni (a partire dall’amico fraterno Morata), ma negli ultimi 180’ dell’anno si gioca più obiettivi di altri. Per lui quella di domani con la Sampdoria non sarà una semplice passerella scudetto e la finale di Coppa Italia contro il Milan (il 21 maggio) sarà molto più che una coppetta di riserva, scrive stamani Tuttosport.

Già, dopo aver segnato il gol più importante in ottica scudetto – ovvero quello nel big match contro il Napoli dello Stadium – il numero 7 bianconero vuole marchiare la Coppa che sente più sua, quella che lo ha visto protagonista con maggiore continuità a partire dalla doppietta al Torino. I gol portano gol – dicono gli esperti – e Zaza vuole trasformare le ultime due tappe bianconere in un trampolino per l’Europeo. Per Antonio Conte è intoccabile e l’attaccante lucano ha una gran voglia di ripagare la fiducia trascinando gli azzurri a suon di reti durante la vetrina continentale. Qualcuno, nei suoi panni, potrebbe anche preservarsi in vista dell’avventura con l’Italia. Zaza, però, non è il tipo. Anzi, Simone è esattamente il contrario e lo dimostra ogni volta che mette piede in campo. Non si risparmia mai, talvolta anche eccedendo per spirito e voglia di combattere.
Obiettivo doppia cifra
E dove non è aiutato dal carattere, ci pensa l’aritmetica: chiudere la prima stagione alla Juventus in doppia cifra sarebbe una soddisfazione incredibile, anche perché parliamo di un centravanti che a parte al Napoli forse avrebbe giocato titolare in quasi tutte le big del campionato. Alla Juventus ha masticato tanta panchina (neanche 1000 minuti in campo tra campionato e Coppe), ma si è fatto sempre trovare pronto. I 10 gol stagionali (ora è a 8) sarebbero un bel regalo. Prezioso anche più del puro aspetto economico. Come tutti gli attaccanti della rosa, ai gol corrispondono dei premi supplementari. E per Zaza con la doppia cifra scatterebbe un bonus di circa 300-400 mila euro. Un ritocco verso l’alto dello stipendio, ma soprattutto una bella conquista a livello personale.
La Juve lo conferma
In realtà i dirigenti bianconeri lo hanno già promosso: la stagione – e soprattutto la crescita costante – hanno rafforzato i pareri positivi in corso Galileo Ferraris. Se Giuseppe Marotta e Fabio Paratici, suoi scopritori ai tempi della Primavera dell’Atalanta, a gennaio hanno rifiutato i 27 milioni di euro del Crystal Palace è perché sono convinti che Zaza possa valere molto di più. In corso Galileo Ferraris l’azzurro è considerato il perfetto prototipo della punta moderna, utile in fase di pressing ed efficace sotto porta, in particolar modo nelle serate calienti. Senza contare l’abilità naturale del 24enne lucano nel realizzare gol difficili anche solo da pensare. Per i dirigenti juventini Zaza avrà un ruolo ancora più importante in futuro. Il primo ad augurarselo è il diretto interessato: alla Juventus si è inserito benissimo, tanto nell’ambiente quanto nello spogliatoio, semplicemente vorrebbe giocare di più in futuro. Desideri che ha esternato pubblicamente nel post Carpi.
Corteggiatissimo
Se la Juventus è convinta di trattenerlo a Torino, in Italia (Milan e Roma) e soprattutto in Inghilterra credono in un finale diverso. Dalla Premier i sondaggi sono continui: il Crystal Palace e il West Ham lo “marcano” da un anno e Antonio Conte lo porterebbe volentieri al Chelsea. Negli ultimi giorni sono stati registrati inserimenti di altri club: oltre al Leicester di Claudio Ranieri, tramite i soliti intermediari ha preso informazioni su Simone anche l’Arsenal. Molti addetti ai lavori sono convinti che in un calcio più fisico e meno tattico come quello inglese lo juventino farebbe esplodere ulteriormente tutto il suo talento. Una possibilità che la Juventus vuole evitare, dal momento che quasi certamente dovrà già cercare un sostituto di Alvaro Morata, destinato ad essere riacquistato dal Real Madrid attraverso il diritto di ricompra.
slide_zaza_02

Check Also

Dal profilo Instagram di Luciano Spalletti

INTER, Spalletti rinnova fino al 2021

Ora é ufficiale, Spalletti e l’ Inter prolungano il loro rapporto fino al 2021. Queste …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *