Home / News / Niente e nessuno può fermare il difensore bianconero!

Niente e nessuno può fermare il difensore bianconero!

 Tuttosport riporta il buon esempio del difensore bianconero Bonucci, che nonostante non sia al meglio ha dato la sua disponibilità alla convocazione per la partita di oggi.
“Sul fatto che oggi pomeriggio Leonardo Bonucci possa regolarmente esser della partita tra Juventus e Chievo (foss’anche, soltanto, per uno spezzone di gara) persistono dei dubbi: servirebbe un mezzo miracolo, seppur si tratti di un giocatore abituato a sorprendere. Ciò non toglie, però, che il difensorone/regista – ormai simbolo di juventinità – a prescindere da quello che succederà al Bentegodi, abbia già dimostrato così – e una volta di più – il suo spessore. Leonardo per indole non si tira mai indietro, nemmeno di fronte a un infortunio. Giocherebbe sempre, probabilmente anche stavolta. E’ un capitano aggiunto e lo ha dimostrato spingendo (sia pure con garbo, per carità…) per essere inserito nella lista dei convocati per Verona, pur a dispetto della elongazione al flessore della coscia sinistra rimediata durante la sfida di mercoledì scorso contro il Lione (per la quale è stato necessario il cambio con Benatia, a metà ripresa). Un comportamento apprezzato da staff e dirigenza, ben consapevoli dell’importanza di Leonardo anche solo per motivare la squadra. Tutt’altro che un dettaglio nell’ultima partita prima di una sosta.
Bonucci ha parlato con Allegri, a cui ha dato la sua massima disponibilità a partire insieme con il resto del gruppo spinto dal desiderio di mettersi al servizio della squadra, qualora le cose dovessero prendere strade impreviste, o comunque – più semplicemente – spinto dalla voglia di dare il suo contributo quantomeno morale nel contesto d’un match che può rappresentare un eccellente viatico per una sosta di campionato serena e pacifica (guardando tutti dall’alto verso il basso, forti come minimo di quattro punti di vantaggio sulla seconda in classifica), così come d’una successiva ripresa di campionato sull’onda dell’entusiasmo. Potenzialmente foriera – come ha spiegato Allegri in conferenza stampa – di una autentica svolta nel gioco, nella spettacolarità.
Trattasi, ovviamente, di una ennesima dimostrazione di personalità, di attaccamento alla maglia da parte di Bonucci. Bonucci che si conferma, sempre di più, una pedina fondamentale e pressoché insostituibile per la squadra pentacampione d’Italia in carica, un vero e proprio leader dello spogliatoio. Peraltro, l’ex barese, incarna tutta una serie di aspetti caratteriali e umani che lo rendono un beniamino della tifoseria, oltre che un punto di riferimento per i compagni. La sua esultanza in stile “sciacquatevi” la bocca – dopo un gol – è ormai un marchio di fabbrica, mentre i suoi lanci calibrati in profondità sono una delle chiavi del gioco bianconero, soprattutto da che Andrea Pirlo ha lasciato Torino. Come si capisce dal retroscena legato alla trasferta di Chievo, poi, a completare il quadretto contribuiscono spirito di gruppo e spirito di sacrificio.
Tutte doti per la quali, non a caso, una buona metà dei club più prestigiosi d’Europa s’è spinta ad effettuare corteggiamenti anche piuttosto approfonditi all’indirizzo del centrale. Nonché, rovescio della medaglia, tutte doti per le quali la Juventus ha snocciolato una interminabile sequela di “no, non se ne parla” anche al cospetto di offerte sontuosissime, come quella pervenuta dal Manchester City su espressa richiesta di Pep Guardiola. Gli inglesi erano arrivati, in estate, a mettere sul piatto addirittura 60 milioni di euro per il cartellino, più un ingaggio di 8 milioni all’anno per 4 stagioni. Niente da fare: la Juventus, conscia delle difficoltà di trovare un sostituto davvero all’altezza, ha resistito. E pure Bonucci, che pure a tratti ha vacillato, alla fine ha scelto di non forzare la mano: «All’inizio qualche pensiero c’è stato, l’insistenza di Guardiola mi ha un po’ destabilizzato, ma ho detto di no pensando con il cuore. Sono rimasto per puntare a grandi traguardi». E ancora: «Certo che hanno influito la campagna acquisti e la voglia di Champions della Juventus nella mia scelta. Sono arrivato quando c’erano le ceneri, siamo cresciuti insieme, ora vogliamo chiudere questo percorso in una sola maniera. Dobbiamo vivere la Champions come un sogno, perché così ci togliamo le pressioni, ma perseguirla come un obiettivo. E ovviamente dobbiamo entrare nella storia conquistando un altro campionato».
E’ chiaro, no?, perché Bonucci sia così importante nello spogliatoio bianconero… E perché la società sia pronta a prolungargli il contratto. “

Check Also

POSTPARTITA, Chiesa: “Faccio quello che dice il mister, volevamo la vittoria. Contento di essere qui”

È da pochi minuti terminato il primo match stagionale di Champions League dei bianconeri contro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *