Home / News / Agnelli: “Juve già nella storia ora nella leggenda Esistiamo per vincere contro tutti e i gufi”

Agnelli: “Juve già nella storia ora nella leggenda Esistiamo per vincere contro tutti e i gufi”

Martedì sera Andrea Agnelli ha parlato privatamente durante una festa con dipendenti e sponsor: «Abbiamo tutte le forze che giocano contro di noi, il principio è che non importa chi vince, l’importante è che non vinca la Juve: questo è l’ambiente che c’è intorno a noi». Nella chiamata alle armi, si scorge curiosamente un che di Mourinho, proprio il «nemico» di un tempo: «Alla gente interessa soltanto che non vinca la Juve e a noi non spetta altro che smentirli. Noi vogliamo continuare a vincere, noi esistiamo per vincere», le parole riportate su La Gazzetta dello Sport.

Martedì c’era la prima squadra al completo, ma la caccia al selfie si è concentrata su Gonzalo Higuain e poi tutto lo staff tecnico, a partire da Max Allegri, più la dirigenza al completo, dal vicepresidente Pavel Nedved all’a.d. Beppe Marotta fino al d.s. Fabio Paratici. Insomma, la totalità dell’ecosistema bianconero, l’ambiente perfetto per far detonare il messaggio in vista di Juve-Roma.
Anzi, sul tema, ecco un’altra frecciata avvelenata del presidente: «Già i nostri amici gufi hanno ricordato che la Roma allo Stadium ha sempre perso: abbiamo tutte le forze che giocano contro di noi. Come ci insegnano quelli che hanno gestito la Juventus prima di noi, sappiamo perfettamente che il trionfo più importante non è quello che abbiamo conseguito ma è il prossimo», ha aggiunto il 41enne Andrea.
«Voglio ringraziare le persone che sono con me perché nel 2016 non hanno avuto di meglio da fare che scrivere la storia del calcio italiano, ma quest’anno dobbiamo diventare leggenda», ha ribadito Agnelli sul palco. Tradotto: sesto scudetto di fila, una vetta mai avvicinata da nessuno in Serie A, e la suggestione europea perché mai come quest’anno, visti gli assegni staccati d’estate e il sorteggio favorevole,
si può osare anche in Champions: «Quest’anno abbiamo un grande privilegio. Per diventare leggenda abbiamo due percorsi aperti: quello nazionale a quello internazionale. Nessuno ha scritto sei volte di seguito il proprio nome come campione d’Italia, scriverlo come campioni d’Europa significa fare leggenda».

Check Also

MERCATO, Su Alaba anche il Real Madrid: è bagarre con la Juventus

Secondo Fichajes.com non ci sarebbe solo la Juventus sulle tracce di David Alaba, difensore-centrocampista classe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *