Home / News / Allegri: “3-5-2 necessario. Attenti a domani, per la Fiorentina è la partita della vita”

Allegri: “3-5-2 necessario. Attenti a domani, per la Fiorentina è la partita della vita”

Siamo ormai giunti alla vigilia di Fiorentina-Juventus e, come di consuetudine, l’allenatore bianconero Massimiliano Allegri si è presentato in sala stampa per rispondere alle domande dei giornalisti presenti. Queste le sue parole aggiornate in tempo reale, rimanete qui per seguirle

Sul modulo di domani: “3-5-2? E’ una scelta ma anche una necessità. Devo vedere come sta Chiellini, che ieri ha avuto un po’ di febbre, Barzagli ha giocato due partite consecutive e poi mi manca il terzino per giocare a quattro. Bisogna che uno fra Cuadrado, Sturaro o lo stesso Barzagli ricopra quel ruolo. Tuttavia non cambierà il nostro atteggiamento”

Su Gagliardini e Bernardeschi: “Sono due giocatori diversi. Il primo è un giovane molto bravo che ora dovrà affrontare una sfida importante. Anche il ragazzo viola, così come Berardi è un gran talento. Ma in Italia ci sono molti ragazzi bravi”.

Su questa prima parte di stagione: “Fino ad ora abbiamo giocato diciotto partite in campionato e siamo primi, nel girone di Champions ci siamo qualificati da capolista, quindi ritengo che il cammino fino ad ora sia soddisfacente. Certo, poi ci sono delle cose da migliorare, come i cali di concentrazione che si sono registrati a Doha e in coppa con l’Atalanta. Lotteremo per tutti gli obiettivi, ma per questo bisogna avere la cattiveria di chiudere e gestire la partita”.

Su cosa deve migliorare la squadra: “Allora, partiamo dal presupposto che con l’Atalanta è stata una bella partita e io dalla panchina mi sono divertito molto. Gli ultimi 10 minut sul 3-2 sono stati quelli più pericolosi, perchè sul 3-1 poi abbiamo staccato. Ma dopo il 2-1 la squadra si è riversata davanti con cattiveria per chiudere la partita ed è questo ciò che voglio vedere. Poi bisogna subire meno gol e gestire meglio entrambe le fasi, perché non prendere gol è tanto importante quanto farlo”

Se Cuadrado esclude Pjanic: “No, assolutamente no. Possono giocare benissimo tutti e due. Devo valutare per domani, dato che ci attende una partita complicata e difficile. Per la Fiorentina sarà la partita dell’anno e i viola potranno anche contare su un pubblico che accorrerà numeroso. Spero sia una bella serata di sport fra due squadre che giocano un gran calcio”

Su Alex Sandro e Asamoah: “Il primo, a meno di clamorosi colpi di scena, domani partirà titolare. Per quel che riguarda il secondo, è un ottimo recupero e nelle ultime gare ha giocato bene. Ci tornerà utilissimo”

Su Mandzukic: “Tenerlo fuori è difficile, così come con tutti gli altri ragazzi. Il croato è un gran campione, ha segnato e vinto ovunque, ha una prestanza fisica e una professionalità straordinaria. Sono contentissimo, perché quando i miei ragazzi entrano dalla panchina raramente sbagliano approccio”

Su Mattiello e Mandragora: “Il primo aveva recuperato, poi si è rotto il naso e questo infortunio ha rallentato il suo rientro. Il secondo c’è e rimane, perché in questo momento la sua presenza a centrocampo serve”

Su Evra: “Patrice è un grande professionista e un uomo eccezionale. La sua telenovela non crea disagio o instabilità, abbiamo parlato tranquillamente e ora siamo tutti in attesa della sua scelta”

Su Pjanic insieme a Dybala: “Dipende se giocheremo a 3 o a 4 dietro. Pjanic e Dybala stanno migliorando molto. In ottica futura diventerà davvero bravo anche Pjaca. Mercoledì mi sono divertito perché abbiamo vinto e per 60′ c’è stata grande tecnica e velocità. Bisogna quindi giocare bene e vincere”.

Se domani è uno snodo importante per lo scudetto: “Per noi adesso inizia un mese cruciale, dove avremo quattro partite di campionato forse non decisive ma sicuramente molto significative. A partire da domani ovviamente”

Se Dybala gioca meglio con Mandzukic o Higuain: “Lui e Higuain sono giocatori diversi, più giocano insieme più trovano la condizione e l’intesa. Hanno caratteristiche diverse, Mandzukic attacca la porta, lavora, crea spazi e in questi Dybala entra più facilmente. Higuian è il vertice della squadra”.

Sui quarti di Coppa Italia con il Milan: “Nella partita secca è sempre complicata, nell’arco di una stagione la Juventus è più forte. I rossoneri stanno facendo molto bene e rimontare il Torino come hanno fatto giovedì non era affatto semplice. Detto questo, a loro penseremo più tardi”

 

Check Also

ARBITRI, La designazione di Juventus – Sampdoria

Questa la designazione del match tra Juventus e Sampdoria: JUVENTUS – SAMPDORIA h. 20.45 PICCININI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *