Home / News / ALLEGRI: “A Torino servirà una grande partita”
Dal profilo Instagram di Massimiliano Allegri

ALLEGRI: “A Torino servirà una grande partita”

Ecco le parole di mister Allegri in conferenza stampa:

“Nel primo tempo la squadra ha fatto una buona prestazione, la difficoltà della partita è che loro concedono poco. Nel secondo tempo ci siamo adeguati, siamo stati poco cattivi e abbiamo fatto un tiro soltanto fino al 2-0. Dobbiamo cancellare il secondo tempo, mettere da parte questa sconfitta, allenarci in campionato e poi preparare la partita di ritorno. Servirà una grande serata”.

Avete davvero voglia di andare avanti?
“Beh, direi che la Champions è un obiettivo, che devo dire. È la stessa partita persa nel girone quattro anni fa, su un episodio. Ci siamo adeguati, il primo allarme è stato il contropiede micidiale di Diego Costa: loro fanno quello, come fanno bene sulle palle inattive. Nel primo tempo siamo stati tosti e cattivi, nel secondo no perché a un certo punto sembrava più facile. E invece non lo era. Nella gara di ritorno bisognerà fare una partita più cattiva, migliore a livello tecnico, precisa e veloce nei passaggi”.

a Juve ha vivacchiato per la propria superiorità, aspettando che succedesse quello che di solito succede in campionato?
“No, non abbiamo questa presunzione. L’Atletico Madrid è una squadra che da otto anni fa giocare male gli altri, è un loro pregio. Non è che la Juventus ha giocato con presunzione: per giocare contro l’Atletico ci vuole pazienza, cattiveria, precisione. È una squadra diversa dalle altre. Due domeniche fa il Real contro di loro ha sbloccato la partita su palla inattiva: contro di loro grandi occasioni non ce ne sono e al ritorno servirà una grande partita. Loro sono questi”.

Però voi non siete questi di solito.
“Ci sono anche i meriti dell’avversario. Quando noi facciamo quello che fa l’Atletico si dice che la Juve gioca col catenaccio. Contro squadre così bisogna avere pazienza: l’Atletico Madrid non ti lascia spazi. Noi abbiamo avuto occasioni alla fine su palla inattiva: è così la partita, non è questione di presunzione. Su questo loro sono forti. A Torino servirà una partita più precisa e veloce”.

Avete sofferto intensità e ritmo?
“No, è questione di precisione. Loro possono fare la stessa cosa per 80 minuti e sono bravissimi sulle palle inattive. Noi abbiamo fatto un brutto secondo tempo, perché ci siamo addormentati e siamo andati dietro a loro. Chi pensava di vedere una bella partita, divertente, stasera, si sbagliava. Quando giochi contro di loro ti chiedi se hai giocato o meno”.

È mancato Mandzukic?
“Siamo mancati tutti, nel secondo tempo, rispetto al primo tempo. Poi c’è il valore dell’avversario. Partiamo dal presupposto che sono fiducioso per la partita di ritorno, da preparare nel migliore dei modi. Senza pensare solo a quella, perché in campionato dobbiamo vincere otto partite. Però quando dico che in Europa ci sono otto squadre in grado di arrivare in finale non lo dico per difendermi, ma perché lo penso. E l’Atletico è una di queste”.

Ronaldo deludente. Come ha inciso e come non ha inciso?
“Direi che ha fatto una buona partita. È un giocatore abituato a queste partite, non è che stasera ha deluso. Abbiamo sbagliato come squadra nel secondo tempo. E questa partita ci servirà da lezione per il ritorno”.

Check Also

DOPO-ALLEGRI, Rumors da Oltremanica: Sarri alla Juve e Allegri ai Blues

Secondo il London Evening Standard in Inghilterra, Massimiliano Allegri è entrato nella lista dei possibili …

One comment

  1. Mister Allegri ho imparato dal passato che un passaggio del turno dura 180 minuti… Ne mancano 90… Noi ci crediamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.