Home / News / ALLEGRI: “Buona gara, i giovani hanno giocato bene. Martedì c’è Matuidi, Emre sta meglio”
Immagine dal profilo twitter della Juventus

ALLEGRI: “Buona gara, i giovani hanno giocato bene. Martedì c’è Matuidi, Emre sta meglio”

Massimiliano Allegri ha analizzato la sconfitta ai microfoni di Sky:

Oggi volevi chiuderla?

“Sì, ci tenevo. La prestazione dei ragazzi è stata buona, i giovani hanno giocato con autorevolezza. Sul secondo gol ci siamo fatti un po’ spostare, abbiamo fatto un buon primo tempo e una buona reazione”.

Che risposte hai avuto dai giovani?

“Gozzi ha fatto una bella partita, e anche quando è uscito Barzagli a campo aperto è stato molto bravo. Kastanos non ha il passo della mezzala ma ha fatto bene, così come Nicolussi e Mavididi. Buon rientro di Cuadrado e mi è piaciuto anche Dybala. Ottimo per martedì”.

Chi gioca martedì?

“Matuidi sicuro, valuteremo Douglas Costa domani così come Chiellini. Emre Can va molto meglio”.

Oggi servivano motivazioni…

“Sì, e anche valutare Cuadrado e Barzagli al rientro. Anche Dybala, che ha giocato meno, ho avuto ottime risposte. Hanno fatto bene tutti, dispiace solo per la sconfitta, ma l’inesperienza la paghi”.

Su Chiellini:

“E’ un po’ di giorni che è fermo. Stava meglio dopo Cagliari, ha preso un colpo ma sapete che ha i polpacci che fanno scherzi. Speriamo torni a correre da domani”.

Su Dybala:

“Paulo, come ho sempre detto, più gioca più trova condizione. E’ aerobico. Si è divertito, ha bisogno di giocare. Non sta vivendo un gran momento a livello psicologico, fare panca o giocare venti minuti non è semplice. Ho avuto ottime risposte, con un parco attaccanti così devi rispondere per dimostrare il meglio. E’ un buon segnale per martedì. Ci sarà bisogno di tutti, si può andare anche ai supplementari”.

Su Kean:

“E’ giovane ed era un po’ stanco, quando si sfila un po’ dal gioco vuol dire che è stanco. Ha la calamita, però quando si defila e va meno in profondità è un segnale”.

Kean ha superato qualcuno nelle gerarchie?

“Come centravanti è la riserva di Manduzkic con caratteristiche diverse, attacca la porta mentre Mandzukic è più abile con gli assist. Martedì vedremo”.

E’ vero che preferisci i titoli ai record?

“Basta vincere, un punto e vinci. Fare record è difficilissimo, devi spendere energie e c’è l’Europa. Se mettevamo tutti i titolari vincevamo, però c’è l’obiettivo martedì. Abbiamo fatto 27 vittorie, 3 pari e due sconfitte, impressionante. E non è stato facile, negli scontri diretti abbiamo vinto sempre e portiamo a casa anche le altre con grande forze. E non giochiamo ogni giorno con il Napoli”.

E lo avete sempre battuto…

“Sì, avevamo un calendario bruttissimo nel finale e abbiamo fatto risultati importanti, allungando. Diventa una questione psicologica, devi vincere 30 partite. Dissi che bastavano 86 punti, perchè il Napoli non era mai arrivato a 91 e ripetersi è dura. Non ci sono altre squadre da 30 vittorie, manca un punto”.

Check Also

CAPELLO, “La Juve anche con Sarri ha mantenuto il trend di vincitrice in Italia”

Fabio Copello, ex allenatore della Juventus, ha parlato dei bianconeri ai microfoni de Il Mattino. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.