Home / News / Allegri: “Le partite vanno giocate e siamo nelle condizioni per farlo”

Allegri: “Le partite vanno giocate e siamo nelle condizioni per farlo”

La Stampa riporta le dichiarazioni di Allegri: «“Teniamo lontana la Roma e poi penseremo al Borussia”. Massimiliano Allegri traccia le priorità di una Juve impegnata domenica sera a Cesena contro la squadra penultima in classifica senza Tevez squalificato (“Ma non farò turnover e Pirlo giocherà: dobbiamo conquistare i tre punti”), ma sempre più vicina all’appuntamento Champions. “Le partite vanno giocate – spiega il tecnico bianconero – e siamo nelle condizioni per farlo. L’obiettivo di tutti era arrivare a febbraio-marzo per lottare su tutti i fronti: ci siamo e non mi preoccupa il Dortmund. Stiamo bene e faremo due grandi partite: possiamo passare il turno”. La Juve pensa al campo e a come raggiungere i suoi obiettivi, ma le polemiche dopo la sfida con il Milan tengono ancora banco. “Dispiace – analizza Allegri -, ma ormai la polemica è abitudine del calcio italiano. Sabato sera è stata una bella partita, poi si fanno polemiche su episodi dove se ne poteva fare a meno. La cosa migliore è che tutti, dagli allenatori ai giocatori più dirigenti che devono fare il bene del calcio italiano, si lavori a ridare credibilità al calcio italiano a livello mondiale. Le polemiche non portano a nulla, smorziamole”. E il pensiero non cambia quando si pensa alle frasi choc di Lotito sul sistema calcio. “Mi ha lasciato scosso e stranito. Però tutti dobbiamo avere l’obiettivo, anche a livello di settore giovanile, di rilanciare il calcio in Italia. Poi da allenatore e da ex calciatore dico che conta solo il campo. Alla fine verrà su chi merita, al di là di chi si chiama Carpi o Bologna. Anzi, spero che nessuno si offenda, ma oggi il Livorno compie 100 anni: non me vogliano altre squadre ma spero possa festeggiare la promozione in serie A”».

 

Antonella

Check Also

DINAMO-JUVE, Perrone: “Squadra solida ed equilibrata”

Nel consueto commento pubblicato sull’edizione odierna del Corriere dello Sport, il giornalista Roberto Perrone dice la …