Home / News / Allegri: “Sono molto contento, non era facile, complimenti ai ragazzi. Le mie scelte…”

Allegri: “Sono molto contento, non era facile, complimenti ai ragazzi. Le mie scelte…”

Massimiliano Allegri ha così parlato a Mediaset Premium dopo la vittoria con il City: “Ho scelto Mandzukic già da qualche giorno, perché Morata sarebbe stato utile a partita iniziata. Sono molto contento, non era facile qualificarsi con anticipo. E’ importante non aver subito gol, il merito è tutto della squadra che ha giocato con un avversario difficile. Rimonta in campionato? La vittoria deve essere una normalità, ci serve costanza, anche oggi abbiamo gestito male alcuni momenti ma siamo una squadra giovane. Alex Sandro? Va lasciato crescere, nessuno si ambienta in un mese. Stasera ha fatto una buona gara, ma anche Evra ha garantito esperienza in un momento delicato della partita. Tridente? Dipende dalle caratteristiche dei giocatori. La Juve ha due calciatori che stanno facendo un percorso inverso: Dybala si sta trasformando in seconda punta, Morata in prima punta. Vedere giocare il Barcellona è un piacere, c’è sempre da imparare”.

Queste invece le parole dell’allenatore in conferenza stampa: “Faccio i complimenti ai ragazzi, non era un girone semplice. Quest’anno è il mio sesto passaggio del turno in Champions. Giocare in Europa è sempre straordinario. Oggi c’erano tanti giovani in campo, è una vittoria della società. Non è una vittoria mia, sono pagato per fare scelte, non importa chi gioca. Poi a volte le indovino e altre no. Dobbiamo migliorare ancora, fa parte del processo di crescita e dei cicli di una squadra. Alex Sandro o Evra? Le scelte le devo fare, il fatto che abbiano fatto bene entrambi è importante, ho scelta, un giocatore non può giocarle tutte. Fortuna? Potevamo segnare il 2-0 così come subire il pari, il calcio è così. Ora pensiamo al campionato e poi al Siviglia. Siamo cresciuti sia fisicamente che mentalmente”.

Il tecnico bianconero ha poi parlato a Sky: “Quando i singoli crescono cresce anche il gruppo. L’atteggiamento conta molto, serve non dare punti di riferimento. Abbiamo giocato un po’ peggio solo alla fine del primo tempo perdendo tropppi palloni e anche nel finale. Morata? Ha giocato molto, oggi Hart gli ha negato una bella giocata e ha perso qualche brutta palla. Ci sono tanti attaccanti importanti, c’è anche Zaza”.

 

 

allegri

Check Also

CORSPORT: “Pogba non è un affare da Juve”

Spazio anche al mercato sulle pagine del Corriere dello Sport. “Pogba, un affare che non è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *