Home / News / Allegri: “Vincere a Udine non sarà facile”

Allegri: “Vincere a Udine non sarà facile”

Durante la conferenza stampa Allegri ha dichiarato alle domande fatte dai giornalisti:
Viste le assenze, cambierà modulo? “Durante l’allenamento valuterò, possiamo anche continuare a giocare con questo sistema, basta portare Padoin in mediana. Altrimenti potremo giocare con 3 centrocampisti e due punte. A metà campo siamo contati”.Problemi con Vidal? “Mi sono meravigliato, ho letto questo. Uno che esce dal campo, entra nello spogliato, si mette la borsa del ghiaccio e poi torna in panchina è strano? Io non ci vedo niente di male. È normale che si sia arrabbiato, ma non c’è stato alcun chiarimento, non ce n’era bisogno. Ha la luna storta? Purtroppo, e lo sa, quest’anno doveva affrontare una stagione particolare perché è stato operato al ginocchio e poi ha giocato il Mondiale. Doveva recuperare tre mesi e invece dopo un mese già giocava. È stato bravo a recuperare, ma è normale che ritorni un po’ di infiammazione. Poi a Parma ha preso una botta sulla caviglia con interessamento del ginocchio. Ma col Milan ci sarà”.

Come vede la partita di Udine? “Vincere a Udine non sarà facile e poi Di Natale fa sempre gol. Sarà una partita da giocare con attenzione, siamo in un momento cruciale del campionato”.

Osvaldo? “Non parlo, è un momento cruciale anche per il mercato. Poi il 2 febbraio vedremo come sarà la rosa. Intanto è rientrato De Ceglie e ci può tornare utile visto che Asamoah sarà fuori ancora per un po’. Poi vedremo. Se parte Giovinco, come sembra, avremo bisogno di un’altra punta. A Parma ha fatto buona partita anche Coman, seconda punta come Tevez. E Morata può giocare in quel ruolo”…

Tevez ha esaltato questa Juve. “È una squadra con margini di miglioramento importanti, atletici e morali”.

Morata sarà titolare a Udine? “Dovrò valutare, a Parma bene, ma decisivo Llorente con il suo assist. Fernando ha lavorato molto per la squadra, è normale un momento di flessione, ma non è detto che non possa giocare titolare”.

C’è il rischio di una flessione? “Lo stimolo è l’obiettivo finale. Sette punti sono tanti e non sono nient,e bastano due pareggio. Dovremo essere concentrati e sbagliare il meno possibile perché non c’è più tempo per recuperare. A Parma non abbiamo rischiato e loro sono stati molto aggressivi, concedendo poco. La maturità di una squadra si vede in queste partite ed è fondamentale per vincere un campionato. Bisogna vincere anche quando si gioca male”.

 

Antonella

Check Also

Di Gennaro: “McKennie, Rabiot e Ramsey non sono da Juve. Servono certezze”

Per commentare l’ultima giornata di campionato a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è stato l’ex giocatore …