Home / News / BARBANO (CdS), lettera a Chiellini: “Non svendete le vostre parole”
Dal profilo Instagram della Juventus

BARBANO (CdS), lettera a Chiellini: “Non svendete le vostre parole”

Nel suo editoriale per il Corriere dello Sport, Alessandro Barbano ha parlato della questione del taglio degli stipendi con una lettera rivolva a Chellini: “Gentile Giorgio Chiellini, in un momento così difficile per il Paese i calciatori stanno dando un esempio che smentisce molti luoghi comuni. Il taglio degli stipendi, il fondo di solidarietà per gli atleti mal pagati e la richiesta di completare i campionati, anche a costo di rinunciare alle ferie, sono una prova di saggezza di cui c’era bisogno. L’accordo da lei promosso e raggiunto con la Juve, in qualità di delegato dell’Assocalciatori, è anzitutto un successo personale, perché limita il danno al taglio di una mensilità e allo spostamento di altre tre alla stagione successiva. Ma è anche il compromesso lungimirante di chi ha compreso che dalle crisi si esce accettando di cambiare. E il calcio ha molto bisogno di farlo. Gentile Giorgio, amici calciatori, riprendetevi il vostro diritto di parola. Siete la voce più fresca e più vera di questo universo così complesso, e a tratti intrasparente, che è il calcio. La pratica sportiva totalizzante, che vi impegna dall’adolescenza, non vi fa meno pronti di altri al dialogo. Perché la scuola del campo e della fatica sportiva può essere maestra di vita quanto una robusta cultura di base. Del resto, chi impone il bavaglio alla vostra libertà ha collezionato più gaffe di quante sarebbero consentite a una classe dirigente mediocre. Dalle battute razziste agli insulti personali, allo snobbismo verso le squadre meno titolate, ai giochi occulti per piegare perfi no l’emergenza del virus ai propri interessi di bottega, i presidenti del calcio che conta hanno dilapidato un patrimonio di credibilità. Se parlano e sparlano ancora, è perché la loro idea del pudore coincide con quella del portafogli. Amici calciatori, vendete pure i gol, le prodezze, la prestanza fi sica e l’ingegno in campo. Non la vostra libertà di pensiero. Di cui il calcio ha bisogno per cambiare. Si dice che dall’incubo di queste settimane usciremo migliori. Non è automatico che ciò accada. Dipende dalle scelte che faremo, che farete insieme. Nessuno di voi da solo può difendere in una trattativa individuale il diritto di parlare, che le società vogliono comprare per utilizzare come merce di scambio. Il sindacato, che Chiellini e Tommasi rappresentano, si opponga. Tuteli, insieme con la tasca, quel pensiero critico che fa, da solo, libero un atleta, un uomo. E che, nella pena del coronavirus, abbiamo tutti visto valere più di un ingaggio”.

Check Also

BERGOMI: “Il miglior difensore è Chiellini. Poi scelgo Bastoni e Romagnoli”

Beppe Bergomi ha parlato ai taccuini dell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport dei difensori del nostro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *