Home / News / BERNARDESCHI: “Sto bene anche se soffro per via di questa situazione. Allenarmi a casa mi aiuta a pensare ad latro. Sulla cavalcata contro l’Atletico Madrid…”
Immagine dal profilo ufficiale twitter del calciatore

BERNARDESCHI: “Sto bene anche se soffro per via di questa situazione. Allenarmi a casa mi aiuta a pensare ad latro. Sulla cavalcata contro l’Atletico Madrid…”

Federico Bernardeschi giocatore della Juventus ha rilasciato la seguente dichiarazione ai microfoni di Juventus Tv durante la trasmissione “A casa con la Juve”:

Su come sta vivendo questa situazione: “Sto molto bene, anche se un po’ sofferente come tutti. Perché questa situazione ci ha portato lontano dalla quotidianità. Stare a casa è giusto e bisogna farlo, cerchiamo di goderci questi momenti con le nostre famiglie”.

Un messaggio a Francesca Michelin: “Ti stimo sia come persona, che è la cosa più importante, sia come artista perché hai una voce straordinaria”.

Su un passatempo di questi giorni: “Sicuramente un po’ di allenamento fa bene, aiuta a scaricare un po’ e a non pensare, oltre che alla salute, devo garantire che più ci si allena e più lo si vuole fare”.

Sulle varie risposte al completamento della frase “quella volta che..”: “Ho danzato con i masai: ero a fare un safari in Africa, è stato un momento toccante, mi hanno portato dentro la loro cultura, bellissimo. Ho pianto di gioia: per la nascita di mia figlia, non ne parlo spesso però devo dire che quell’emozione è talmente grande che faccio fatica ad esprimerla, mi commuovo ancora perché quando ho sentito il suo pianto per la prima volta è come se mi si fosse aperto tutto il cuore, ho iniziato a piangere ed è stata l’emozione più forte di tutta la vita, ho provato subito una sensazione di protezione come se da quel pianto avessi dovuto esserci sempre ed è sempre così. Son partito palla al piede: dovrebbe essere quella – parlando della cavalcata contro l’Atletico Madrid- lo sentivo quel ‘dai Fede’, veniva da tutto l’ambiente ed è andata come è andata, 3-0 e passaggio del turno”.

Sui campioni bianconeri con cui avrebbe voluto giocare: “Avrei voluto giocare con Boniperti, Roberto Baggio e Zidane”.

Su unio scherzo particolare fatto: “Lo racconto ma non è carino da imitare. Io prima avevo una casa con delle vetrate che davano sul giardino, stavamo guardando un film horror con amici. Faccio finta di andare in bagno, invece vado in camera mia, mi vesto nero e metto le calze, prendo un coltello e passo dal giardino: ho cominciato a bussare col coltello dal vetro…non puoi capire cos’è successo in casa, sono impazziti tutti”.

Sulla scelta di diverse figure di riferimento all’interno dei vari ambiti: “Personaggio storico? Lo prenderei con Nelson Mandela. Lo sportivo? Roger Federer, perché per me è una leggenda, per stile, eleganza, umanità, tutto ciò che ha fatto a livello sportivo e umano. L’attrice? Angelina Jolie. Un cantante? Jimi Hendrix. Una band? Nirvana. Personaggio tv? Maria De Filippi. Comico? Roberto Benigni. Leggenda della Juve? L’avvocato Agnelli.

Sulla sua reazione alla chiamata della Juventus: “Come ho reagito quando mi ha chiamato la Juve? Direi bene…e te credo!”.

Sul suo piatto preferito: “Il mio piatto preferito, non lo mangio quasi mai perché non posso, è la cacio e pepe”.

Check Also

DYBALA, “One man show” già contro il Milan il 12 giugno

“Nuovo cinema Dybala”. Questo il titolo a pagina 12 che il Corriere di Torino dedica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *