Home / News / Buffon: “A 17 anni venivo considerato pazzo”

Buffon: “A 17 anni venivo considerato pazzo”

Era il 19 novembre 1995 quando Buffon esordì in Serie A con la maglia del Parma, esattamente vent’anni fa. Per ricordare quella partita il portiere della Juventus ha parlato a Premium Sport: “La partita con un significato maggiore per me è propria quella di vent’anni fa all’esordio, perché è stata la mia presentazione nel mondo dei grandi. Il ricordo del debutto è incancellabile, la trepidazione nel sentire la fiducia in una partita così importante come contro il Milan. L’emozione e la gioia non mi abbandonerà mai. Ricordo che Nevio Scala bussò alla mia porta e per percepire il mio stato d’animo chiese se me la sentivo. Risposi: ‘Certo, se no cosa sono qui a fare?’. Una risposta che lo rassicurò. Un ricordo indelebile: non mi abbandonerà mai, sentire la fiducia in una partita così importante. A Collecchio ero il più piccolo, a 17 anni, ero considerato il figlioccio di tutti seppur pazzo. All’epoca i ragazzi mi vedevano come uno squilibrato, un pazzo. Avevo bisogno del tutor, tra Crippa, Nista, Melli, Minotti e Sensini molti mi fecero sentire il loro appoggio”.

 

GIANLUIGI BUFFON 01

Check Also

CORSPORT: “Pogba non è un affare da Juve”

Spazio anche al mercato sulle pagine del Corriere dello Sport. “Pogba, un affare che non è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *