Home / Calciomercato / Capello al Jiangsu, ora è ufficiale

Capello al Jiangsu, ora è ufficiale

Dopo due anni di inattività, Fabio Capello torna su una panchina. Lo farà in Cina, al Jiangsu Suning del patron Zhang Jindong, attualmente penultimo in classifica nella SuperLeague. E’ ufficiale, oltre al ruolo di allenatore si occuperà della gestione dei giovani, portando in Cina idee e concetti. Una scelta ponderata. L’ex CT di Russia e Inghilterra è partito direzione Nanchino già da qualche giorno e nella mattinata di domenica ha visitato anche l’Head Quarter Suning, quartier generale del colosso cinese che possiede l’Inter. Tutto ok, firmato il contratto di un anno e mezzo (a 10 milioni di euro) che lo legherà al suo nuovo club: a fargli da spalla nella nuova avventura anche Cristian Brocchi e Gianluca Zambrotta, che lo affiancheranno nella gestione della squadra insieme ai suoi due storici collaboratori, Ventrone e Tancredi, anch’essi parte dello staff dopo il via libera di Walter Sabatini, ex direttore sportivo della Roma e oggi coordinatore dell’area tecnica di gestione Suning. Tramonta così definitivamente l’ipotesi Sousa. La chiamata aveva da subito intrigato il portoghese, che settimana scorsa aveva mandato in Cina anche un suo uomo di fiducia per curare la trattativa. Dopo aver chiuso l’accordo, lo stesso Sousa era volato a Nanchino per siglare il suo nuovo contratto. La firma, però, non è mai arrivata. Il motivo? Ci sono stati dei problemi di fiscalità che non sono stati risolti. Una frenata improvvisa, che ha fatto saltare definitivamente una trattativa che sembrava chiusa. Con il tramontare dell’affare Sousa, dunque, il Jiangsu Suning ha virato su Fabio Capello. Lo riporta Sky Sport.

Check Also

GAZZETTA, De Ligt, la difesa in primo piano. Adesso Sarri deve scegliere

In taglio nella prima pagina della Gazzetta dello Sport spazio alla Juventus e all’arrivo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.