Home / News / CAPELLO: “In Italia comandano gli ultras. Bisogna fermare le gare quando c’è razzismo”

CAPELLO: “In Italia comandano gli ultras. Bisogna fermare le gare quando c’è razzismo”

Intervistato dal Corriere della Sera, Fabio Capello, ex tecnico bianconero, ha parlato così dei fatti vergognosi di Milan-Lazio:

“Confermo la mia posizione e le mie idee: in Italia comandano gli ultrà. Purtroppo sono isolato. Eppure è proprio così, come ho detto tanti anni fa. Essere ultrà è un mestiere, in quel ruolo si fa business: non è normale. All’estero si interviene e si puniscono i responsabili, da noi è tutto diverso: servirebbero provvedimenti seri, importanti, invece niente. Se un ultrà va allo stadio e si comporta com’è successo mercoledì a San Siro, procura un danno a tutti: agli altri tifosi, allo sport. Sono d’accordo con chi sostiene che le gare vadano interrotte. C’è un problema, però: non si capisce mai qual è l’intensità necessaria per prendere una decisione di questo tipo. Una volta i cori non si percepiscono abbastanza, un’altra volta viene tirata fuori una storia differente. Così, alla fine, le partite non si sospendono mai. E gli ultrà continuano a fare quello che vogliono”.

Check Also

CAPELLO, “La Juve anche con Sarri ha mantenuto il trend di vincitrice in Italia”

Fabio Copello, ex allenatore della Juventus, ha parlato dei bianconeri ai microfoni de Il Mattino. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.