Home / News / Che batosta a Marassi, quasi come quella di Firenze ai tempi di Conte

Che batosta a Marassi, quasi come quella di Firenze ai tempi di Conte

Come riporta La Stampa, per dare l’idea della prima mezz’ora, l’aria era quella di Firenze, ai tempi di Conte: da 0-2 a 4-2. Contro il Genoa cambia solo il tempismo della Juve: là una squadra era uscita dal campo, qui a Marassi non c’è proprio entrata. Subito la doppietta di Simeone junior, nonostante due paratone di Buffon, poi l’autorete di Alex Sandro. Ovvero, tre gol presi nell’area piccola: ahi. Il Genoa pareva avere più tutto: fisico, corsa, idee, «garra». Il problema non è solo dietro, ma pure in fase di costruzione e di finalizzazione, se Perin non farà una sola parata.

Il parziale è da dover rovistare gli archivi: in serie A, i bianconeri non subivano 3 gol in un 1º tempo dal 2005, con il Milan. Al di là del modulo, anche se sarebbe stato più logico replicare il 4-3-3 di Siviglia, è stata una questione di uomini. Di più, con quel centrocampo da moviola, tra Khedira, Hernanes e Pjanic, sbranato dal pressing del Grifo. Chiaro che poi, non avendo mai la gestione del pallone, è servito pochissimo avere Dani Alves in fase di impostazione. Per non parlare delle corsie, spianate da Lazovic e Ocampos. Detto brutalmente: la Juve non l’ha mai presa.

Check Also

MARANI: “Nella Juve di Pirlo i ruoli non sono ancora definiti. E’ una squadra in costruzione”

Inizierà domani l’avventura in Champions League della nuova Juventus di Andrea Pirlo. Ne ha parlato, nello studio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *