Home / News / Coman, the “king”

Coman, the “king”

Tuttosport.com riporta un articolo su Coman. Ne riportiamo uno stralcio:

“TORINO – Porta sulle spalle il numero undici di Pavel Nedved e un soprannome importante: King, che viene da Kingsley (il suo nome di battesimo), ma vuol sempre dire: re. Coman non sente la pressione per dettagli come questi: «Sembra un veterano», ha detto Massimiliano Allegri la prima volta che l’ha visto. «Questo è un campione», hanno invece esclamato Fabio Paratici e Pavel Nedved più di due anni fa, quando hanno adocchiato il ragazzo. Perché tutto inizia nel 2012: gli Allievi della Juventus affrontano a Doha quelli del PSG e Coman viene notato…

E due anni dopo quella folgorazione (e quante volte da allora Paratici e Nedved hanno “martellato” Marotta e Agnelli con il nome del ragazzino), Coman è diventato ufficialmente un giocatore della Juventus… 

Tipo silenzioso Coman e per nulla casinista, al punto da sembrare molto meno giovane di quanto dica la sua data di nascita. «Si allena sempre con grande attenzione, non è tipo da distrarsi facilmente», dicono di lui a Vinovo. E pur rimanendo un ragazzo di diciotto anni e non un monaco eremita, non eccede mai quando si concede un po’ di relax fuori dal campo. Jolly offensivo Il suo obiettivo è riuscire a imparare il più possibile, in modo da coprire almeno tre ruoli: attaccante esterno (che è quello in cui si trova meglio), trequartista e centrocampista offensivo. Sotto il profilo strettamente tecnico, d’altra parte ha tutto: è un destro naturale, ma ama partire largo a sinistra dove spesso riesce a saltare l’uomo, andando via palla al piede. Il dribbling è una delle sue specialità, reso letale dalla velocità di esecuzione e dalla destrezza con la quale riesce a scattare, tagliando in due le difese. «Ha grandissime potenzialità», lo ha battezzato Allegri, al quale spetta il compito di tirarle fuori il più presto possibile. Anche perché se la curva di apprendimento e di crescita ricalca quella di Pogba, fra un anno – quanto in teoria Tevez potrebbe tornare al Boca Juniors – la Juventus potrebbe trovarsi il sostituto fatto in casa. E il re troverebbe la sua corona.”

Antonella

Check Also

PIPPO INZAGHI, Su Pirlo: “Un vantaggio allenatore giocatori forti, lo aiuteranno quando sbaglierà”

“Conosco bene Andrea che è un ragazzo molto intelligente. Quando smetti di giocare e inizi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *