Home / News / CONTE, “Stiamo sereni, abbiamo perso solo con la Juve”

CONTE, “Stiamo sereni, abbiamo perso solo con la Juve”

Antonio Conte parla alla vigilia della sfida con il Cagliari. Ecco quanto evidenziato da TMW:
Che insidie si aspetta contro il Cagliari?
“La classifica del Cagliari parla chiaro, la sua rosa pure. Hanno un allenatore bravo e preparato, affronteremo una squadra forte che sta facendo benissimo”
Questi pareggi cosa vogliono dire?
“Nella nostra idea c’è sempre l’attacco, quando fai il primo bisogna pensare al secondo. Penso alla gara contro la Fiorentina quando abbiamo preso gol nel finale in contropiede. Non bisogna speculare”
Mercato: è soddisfatto degli arrivi?
“Ho sempre detto che se fosse arrivato qualcuno era per sostituire chi andava via e che sarebbero state operazioni all’insegna dell’equilibrio. Lazaro è andato via in prestito, Moses è arrivato in prestito. Visti i problemi di Asamoah, abbiamo deciso di puntare sull’esperienza di Young perché vogliamo una risposta pronta. Leggo di calciatori in uscita. Se entreranno dei soldi verranno investiti, altrimenti no. Non ci stiamo inventando niente di particolare. Stiamo cercando di potenziare la squadra con delle idee e, se arrivano soldi, fare poi degli investimenti. Il direttore è stato molto chiaro: se ne arrivano due, ne arrivano altri due, se ne vanno via tre, ne arrivano altri tre. Si chiama matematica. Rimanendo coi piedi per terra, anche perché arrivano giocatori che non giocano da un po’. Non dobbiamo perdere di vista la realtà, servirà del tempo per rimetterli a posto”
Ripensando a Lecce c’è qualche rammarico?
“Il fatto che in sei mesi siamo arrivati a considerare un pareggio con il Lecce negativo, vuol dire che la crescita è stata molto chiara. Accettiamo i risultati e rimaniamo con i piedi ben piantati sulla terra. Qualcuno continua a non volerlo capire. Abbiamo fatto cose positive, ma i tifosi devono ricordarsi che siamo appena partiti, non lasciarsi andare allo scoramento. Abbiamo perso solo con la Juventus, ma solo grazie al sacrificio che può qualche volta non bastare. Stiamo sereni”
In riferimento ai nuovi acquisti, si può sopperire a qualche mancanza tattica?
“La squadra non ha esperienza, non ha ingredienti che permettono di vincere nel momento in cui lasci l’acceleratore. Noi dobbiamo tenere l’acceleratore pigiato. Abbiamo preso Young per sopperire a un infortunio importante di Asamoah, Moses in prestito perché è andato via Lazaro. Quel che stiamo cercando di fare è rinforzare vari reparti che, per diversi motivi, necessitano di ulteriori elementi. Non so se, con questa strategia, riusciremo a prendere giocatori molto esperti, ma è giusto sempre focalizzarsi bene. I messaggi che mandate non sono chiari: sembra che abbiamo preso metà Real Madrid. Io non cambierei assetto tattico considerando che le cose stanno andando bene. Bisogna solo lavorare ancora di più per migliorare. Sono molto concreto, le altre cose sono aria fritta”
Domani la situazione è d’emergenza?
“Beh tra partenze e infortuni… fatevi due calcoli. Siamo in attesa, pensiamo a lavorare senza guardare agli altri, con entusiasmo”
Arrivano due giocatori dalla Premier, altri sono in attesa: è una casualità che l’Inter guardi all’Inghilterra?
“Magari Ausilio e Marotta sono profondi conoscitori della Premier e magari preferiscono guardare a quel mercato”
L’assenza di Vecino riguarda il mercato?
“Non è a disposizione e non è convocato”
Da cosa dipende il calo che qualche volta si è visto in questa stagione?
“Dobbiamo andare ogni gara al cento per cento e mi rendo conto che non si può fare sempre. Quando capita che non si riesce, può starci che s’incappi in un pareggio o peggio, perché non mi fa piacere, di una sconfitta

Check Also

PAGELLE MB, Ronaldo non basta. Rabiot da incubo

SCZESNY 6: Si fa trovare pronto ma la fortuna non lo aiuta. Provvidenziale su Mkhitaryan. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *