Home / News / CORRIERE DELLO SPORT, “Juve Pjanicentrica”
Immagine dall'account twitter ufficiale JuventusEn

CORRIERE DELLO SPORT, “Juve Pjanicentrica”

Sul Corriere dello Sport si parla di Juve Pjanicentrica. Impossibile fare a meno di Mire, nonostante nelle scorse settimane, quelle dell’incertezza del post Allegri, ci fosse stata qualche incertezza sul futuro dell’ex romanista. Prima le lusinghe del Real Madrid, poi le sirene del Paris Saint Germain e Mire era stato inserito tra i sacrificabili di lusso in nome delle plusvalenze e delle esigenze di bilancio. A sgombra re il campo ci aveva poi pensato lui stesso, dopo Italia-Bosnia: «Io e la Juve ci amiamo a vicenda». Ora è arrivata l’investitura di Sarri, che lo rende il fulcro del nuovo progetto: Pjanic dovrà accendere la luce e dovrà essere messo nelle condizioni di farlo. Sarri infatti non vuole l’etichetta di integralista e non intende ingessare i campioni, anzi esaltarli. «Dobbiamo allenare la capacità degli altri a dargli sempre la palla». E così ha già iniziato a studiare come rendere Mire il Jorginho bianconero. Nella stagione dello scudetto sfiorato dei 91 punti, Jorginho ha giocato 106,9 palloni in media a partita la differenza con Pjanic è evidente: l’apice di 82,2 del bosniaco è inferiore di 24,7 palloni al minimo dell’omologo italo-brasiliano e di 35,4 del massimo. La strada è tracciata: maggiore possesso, maggiore responsabilità, più coinvolgimento, più centralità nella manovra. Palla a Pjanic.

Check Also

PRIMAVERA, Poker della Juventus al Chievo Verona: doppietta di uno scatenato Fagioli

E’ terminata con il poker della Juventus sul Chievo la sfida dei ragazzi di Zauli. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.