Home / News / CORRIERE DI TORINO, Parlano i rapinatori: “Si creò un cerchio intorno a noi”
Dal profilo Instagram di Federico Bernardeschi

CORRIERE DI TORINO, Parlano i rapinatori: “Si creò un cerchio intorno a noi”

Il Corriere di Torino riporta le parole di uno di Sohuaib Bouadaghen, uno dei 4 rapinatori nella notte di paura a Torino:

“Sono rientrato in piazza, dagli altri, per trovare qualcosa in terra”. E in terra, tra “mucchi di scarpe e di zaini e gente ferita”, c’erano “un portafoglio con 60 euro e un anello che pensavo fosse di diamanti”. “Li t rovai io”, racconta il ragazzo, nell’interrogatorio del 7 maggio 2018 mentre siede di fronte ai pm Paolo Scafi e Roberto Sparagna e accanto al suo avvocato difensore, Basilio Foti. “Sono rimasto in piazza finché non mi sono rincontrato con Aymene, Hamza, Ilyass e non ricordo se anche Machmachi”. Prima dell’ondata di panico, e durante la proiezione di Juventus-Real Madrid, avevano già messo a segno tre colpi e rubato “tre collanine”. Ma “al terzo strappo — prosegue «Budino» — non avevamo ipotizzato che l’accaduto fosse stato innescato dal nostro comportamento (…). I rapinatori utilizzarono la bomboletta con spray urticante, ma anche un bandierone della Juventus dietro cui ripararsi dopo ogni colpo. “Tra il momento in cui abbiamo spruzzato e l’urlo con l’ondata di folla sono passati circa due minuti. La rapina è stata alle 22.10. Ricordo che si è creato un cerchio a circa 4 metri da noi a seguito dello spruzzo dello spray. E le persone vicine si sono spostate”

Check Also

RASSEGNA STAMPA, Le prime pagine dei quotidiani

Queste le prime pagine dei quotidiani in edicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *