Home / editoriale / I preparativi in vista di Udine.

I preparativi in vista di Udine.

Nella giornata di oggi la Juventus è scesa in campo, non per una delle sue tante imprese, bensì per una classica giornata di duro allenamento e gocce di sudore, in vista del pomeriggio domenicale che dovrà affrontare in quel di Udine. Dopo la fatica del Tardini, fin troppo più pesante rispetto a quanto si credeva, il gruppo si è diviso in due: chi ha partecipato attivamente al quarto di finale di ieri sera ha svolto un lavoro defaticante, mentre gli altri hanno partecipato ad una seduta atletica e tecnica più intensa, trascorsa fra rapidi cambi di direzione e gare di tiri verso le porticine, un esercizio, questo’ ultimo, che si è trasformato in una vera e propria, oltre che curiosa, competizione fra Paul Pogba e il suo allenatore Massimiliano Allegri. All’ allenamento mattutino non ha preso parte Arturo Vidal, sottoposto ad una risonanza non appena rientrato da Parma, la quale ha evidenziato come, fortunatamente, non sia presente alcuna lesione, ma una lieve distorsione che, probabilmente, gli farà saltare la sfida contro la banda di Stramaccioni. L’ eventuale assenza del centrocampista cileno verrà rimpiazzata dal jolly bianconero Simone Padoin, così come lo squalificato Marchisio sarà sostituito da Pereyra. Passando dal rettangolo verde all’ ufficio tutto carte e documenti di Beppe Marotta, è importante ricordare come non sia arrivato l’ ok da parte della Mls per il trasferimento anticipato di Giovinco negli USA, un problema questo che blocca la ricerca del quinto attaccante, il quale, con tutta probabilità, sarà Osvaldo, entusiasta all’ idea di tornare a giocare sotto la Mole. Paolo De Ceglie è stato, inoltre, richiamato dal prestito di sei mesi, fondamentale  considerate le assenze forzate di Asamoah e Romulo e Marrone, sfortunatamente, non ha superato le visite mediche a Cordoba, trovandosi costretto a bloccare il suo trasferimento per farsi operare al retto femorale. Una buona notizia riguarda, invece, una delle tante leggende della storia bianconera, ossia quel David Trezeguet capace di segnare la bellezza di 138 gol in 245 presenze con la Juventus, divenendo il giocatore straniero più proficuo della sua storia. L’ attaccante francese è stato, infatti, nominato ambasciatore juventino in Giappone e avrà lo stimolante compito di diffondere il marchio della sua società nel continente asiatico., proprio lui che, con i suoi emozionanti gol, ha fatto emozionare non solo l’ Asia ma tutto il mondo.

SIMONE GOLIA

Check Also

MERCATO, Milik o Icardi? Il dilemma sull’erede del Pipita

Gonzalo Higuain, il figliol prodigo ritornato in bianconero l’estate scorsa e che tanto ha lottato …