Home / News / Di Natale: “Higuain il migliore centravanti del mondo. Dybala come Messi. E sulla scelta di rifiutare la Juve…”

Di Natale: “Higuain il migliore centravanti del mondo. Dybala come Messi. E sulla scelta di rifiutare la Juve…”

In vista di Juventus-Udinese, il primo match dell’era dopo Di Natale, mister 209 gol in serie A, Tuttosport ha intervistato il l’ex attaccante campano, partendo dall’arrivo sulla panchina friulana di Delneri: “Delneri non mi ha chiamato. Mi conosce bene, sa che se prendo una decisione non sono il tipo che torno indietro dopo qualche mese. Gigi è un allenatore bravo e non ha bisogno di me, spero soltanto che risollevi l’Udinese in fretta».

Sul suo futuro con l’Udinese: “Mi piacerebbe lavorare con i giovani. O affiancare il direttore”.

Su Juventus-Udinese: “Affrontare questa Juve è dura per tutti. Ma noi abbiamo sempre fatto ottime partite a Torino. Speriamo sia così anche stavolta”.

Sul rifiuto in sede di calciomercato ai bianconeri: “Assolutamente non sono pentito. La mia fu una scelta di vita, presa col cuore: volevo restare a Udine con la mia famiglia. In tanti mi hanno etichettato come uno stupido, ma tornassi indietro mi comporterei allo stesso modo. E poi alla Juve non avrei mai raggiunto quota 209 gol in serie A. E quando mi vedo in quella classifica, accanto a Totti, Baggio…, capisco che qualcosa di buono ho fatto in carriera”.

Sulla Juventus: “E’ una squadra piena di campioni. Ci vorrebbe giocare chiunque, in questa Juventus. Ci sono Pjanic, Higuain, Dybala. Io ho affrontato il primo Messi e a Dybala vedo fare giocate come le sue. E’ fenomenale. Se penso che l’Udinese rischiò di portarlo in Italia prima del Palermo…”.

Dybala ha preferito il numero 21 al 10: sorpreso? “Sono scelte, ma secondo me il prossimo anno prenderà il 10. Dybala è perfetto per quel numero. La 10 è come una Ferrari: non tutti sanno guidarla”.

Si vedrebbe meglio in coppia con Dybala o con Higuain?  “Per caratteristiche con Higuain. Ma sai che divertimento combinare palla a terra con Dybala, un po’ come ho fatto ai tempi di Sanchez. Che periodo: eravamo uno squadrone. Alexis, Benatia… Una volta glielo dissi, a Pozzo: se non vendiamo nessuno e facciamo due acquisti lottiamo per lo scudetto. Non aver vinto nulla è l’unico rimpianto”.

Higuain ha segnato 77 gol in A: con queste medie rischia di raggiungerla nel giro di 5 anni…

“E’ il più forte centravanti del mondo. Vive per il gol, segna in tutti i modi, sa giocare con la squadra. E poi ha fame, in area è cattivo. Certo, se continua a segnare 30 gol a campionato mi prende. Credo che, per età e forza, forse sia l’unico che possa superarmi. Il Pipita, in questa Juve, potenzialmente può realizzare una doppietta a partita”.

Su Benatia, ex compagno ai tempi di Udine: “Quando c’era un premio da prendere, Medhi era il primo a chiamarmi per avere informazioni… (risata). Era un leader dello spogliatoio, oltre che uno strepitoso difensore”.

Gara di punizioni: chi invita al campo?

«Pirlo, Messi, Totti e Pjanic. E chi arriva ultimo paga la cena per tutti».

Check Also

FIORENTINA, Ribery operato: i tempi di recupero

(ANSA) – FIRENZE, 14 DIC – E’ ”perfettamente riuscito” l’intervento di stabilizzazione del legamento lesionato …

One comment

  1. Bravo! Sono daccordo sull’analisi fatta da Di Natale. Ottimo giocatore con valori umani eccellenti.
    Ribadisco senza dilungarmi sulla questione di cui ho scritto ieri in altro intervento fatto dal calciatore Maradonna.
    Questa è la differenza fra lui e Maradonna, una persona piena di valori un esempio da seguire per i giovani di oggi.
    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.