Home / News / Due giocatori non sempre titolari, stasera avranno un posto in prima linea

Due giocatori non sempre titolari, stasera avranno un posto in prima linea

Le dittature, in molti casi è doveroso aggiungere l’avverbio purtroppo, hanno fatto la storia dell’umanità. Stessa cosa per quella juventina degli ultimi 5 anni: Conte e Allegri hanno tirannizzato la serie A. E stasera il “Conte Max” ha la possibilità di regalarsi il primo double (campionato-Coppa Italia) consecutivo della storia. Il lavoro del tecnico non è stato facile: tenere alta la tensione dopo un’impresa e con la prospettiva di sfidare una squadra oggettivamente inferiore è sempre complicato. E ci sono tre assenze di quelle pesanti (Bonucci, Khedira e Marchisio). Così, oltre a un Paulo Dybala che vuole mettere il timbro sulla Coppa, giocatori non sempre in prima fila nella stagione, come Rugani ed Hernanes, sono chiamati a recitare in prima linea.
Chi è a digiuno di Juventus ipotizzava che Daniele Rugani, che ha passato i primi 6 mesi di Juve a imparare il mestiere da Barzagli, Bonucci e Chiellini, potesse essere ceduto a gennaio. Allegri fa spesso così: dà ai giovani qualche mese di apprendistato, poi li butta dentro quando li vede pronti e poi questi non escono più. E’ stato così anche per il difensore ex Empoli, che aiutato dall’infortunio del suo mentore Chiellini, ha giocato 9 partite consecutive da titolare in campionato, prima di riposare nella passerella con la Samp. Rugani ha fatto un salto di qualità impressionante in termine di fiducia e faccia tosta: stasera non dovrà esitare alla sua prima finale. Alla sua sinistra avrà Barzagli invece di Bonucci: un po’ come quel fortunato cavaliere che dopo aver ricevuto la disdetta da Penelope Cruz per una cena a due, riceve un sms galante da Charlize Theron.
Hernanes è tra le delusioni, ammesso che ce ne siano state, della stagione bianconera. In 10 giorni si è capito che non poteva essere il surrogato di Draxler e degli altri grandi trequartisti inseguiti sul mercato. Del resto, mica è un fenomeno (cfr. Marotta). Si è riciclato come riserva di Marchisio, risultando anche utile nel finale di stagione. Stasera difficilmente i ritmi saranno folli: l’ideale per esaltare le sue doti da cucitore di gioco. E se il Milan si schiaccerà molto in area, potrebbe servire un tiro dei suoi. Con una grande partita e la Coppa da portare in trionfo, anche i tifosi inizierebbero ad affezionarsi a lui. Scrive La Gazzetta.

Check Also

FOCUS, Pjanic raddoppia!

La Juventus raddoppia con Pjanic! Azione prolungata dei bianconeri in area del Bologna, Pjanic recupera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.