Home / News / E’ intoccabile

E’ intoccabile

Domande
Ma la vera domanda non è legata all’interesse di Florentino Perez per Dybala: quello rientra nella normalità delle cose calcistiche, trattandosi di uno dei talenti più cristallini del calcio mondiale. Sarebbe strano il contrario. Il quesito piuttosto è un altro: dando per buona una possibile proposta estiva da 90 milioni più il ritorno in bianconero di Alvaro Morata, per una valutazione complessiva oscillante tra i 120 e i 130 milioni, ma davvero alla Juventus una offerta così verrebbe presa in considerazione? Quale valore aggiunto ne trarrebbe il club bianconero? In quale modo quella ipotetica cifra potrebbe servire per sostituire un giocatore come Dybala che, con tutta la stima per Morata, sostituibile non è?
La strada
La Joya invece-scrive Tuttosport– rappresenta per la Juventus – la quale, giusto sottolinearlo, ha sempre lasciato intendere di non voler vendere il proprio fuoriclasse – l’occasione di mandare un messaggio in Italia e in Europa: costruire una squadra sempre più ambiziosa partendo dalla conferma del suo campione rappresentativo, trasformandolo in una sorta di Alex Del Piero del futuro, non soltanto nell’immagine iconografica della tifoseria. La gente bianconera è affamata di trionfi, ma è anche legata ai propri simboli: un top club si fonda sui grandi acquisti, ma anche sulle conferme eccellenti. E la Juventus lo sa, dato che in estate ha respinto ogni assalto possibile a uno scienziato della difesa come Leonardo Bonucci, nonostante le tentazioni milionarie della Premier. E’ l’unica strada possibile per un top club mondiale.
Prove di intesa
E’ evidente che la prosecuzione del rapporto debba passare da un rinnovo di contratto da big. E il prolungamento non è propedeutico a una cessione, bensì la maniera più efficace per rimarcare l’intoccabilità della Joya nel firmamento juventino. Del resto il denaro non è tutto, ma se la tentazione Real può spingersi oltre, offrendo stipendi dai 10 milioni a stagione in su, la Juventus ha l’opportunità di dimostrare all’argentino lo status di top player anche con l’ingaggio. Non è certamente un mistero il fatto che l’attaccante non sia nemmeno nei primi cinque tra i più pagati dei calciatori bianconeri con i suoi 3 milioni a stagione. Il modello di riferimento è chiaro e rappresenta anche il tetto salariale: avvicinare i 7,5 milioni di Gonzalo Higuain è la via per apporre le firme su un rinnovo già “apparecchiato” nei mesi scorsi. Il manager di Dybala sarà a Torino nella seconda metà di gennaio per valutare la proposta della società bianconera e chiudere definitivamente la questione con un prolungamento fino al 2021 e il consistente ritocco di stipendio a testimoniare la volontà della Juventus di ergere la Joya a stella polare dell’ambizioso progetto che ha come doppio obiettivo il dominio in Italia e la conquista della Champions.
Monumenti
Le sensazioni sono positive, da entrambe le parti, perché la volontà è condivisa. E che poi il Real e il Barcellona, comprensibilmente, possano desiderare un fuoriclasse del calibro di Dybala è naturale. Ma se Messi è il monumento del Barcellona e Ronaldo quello del Real Madrid, allora Paulo deve essere quello della Juventus. Senza trattative. E senza ombra di dubbio.
 

Check Also

MERCATO, Juve sul terzino del Real

Secondo le indiscrezioni provenienti dalla spagna riportate da El Chiringuito Marcelo potrebbe lasciare il Real …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *