Home / Esclusive / ESCLUSIVA MB – “La Juve, l’amore per Del Piero, Dybala e la Champions…”. Mister Italia 2016 si racconta

ESCLUSIVA MB – “La Juve, l’amore per Del Piero, Dybala e la Champions…”. Mister Italia 2016 si racconta

Il tifo bianconero lo ha nelle vene fin da bambino. Si respirava in casa, con i genitori di fede juventina e lo ha coltivato negli anni giocando a calcio. Paolo Crivellin, 25 anni, capelli castani e sguardo magnetico, è il nuovo Mister Italia 2016, eletto il 18 settembre al teatro Circus di Pescara. Agente assicurativo, con la passione per il cinema e per lo sport, Paolo vive a Torino. E proprio l’impegno e la determinazione, tipici di uno sportivo, lo hanno portato a vincere la concorrenza di altri 29 finalisti, in un concorso dove bisognava dimostrare non solo di essere belli, ma anche di saper ballare, cantare e recitare.

Da dove è nata la passione per la Juve e perchè proprio Del Piero è il tuo calciatore preferito?

“La passione per la squadra è nata in famiglia, di tradizione bianconera, e nel tempo si è rafforzata guardando e ammirando alcuni campioni juventini, che cercavo a mia volta di imitare, praticando fin da piccolo il calcio a livello dilettantistico e agonistico. Tra questi un posto di primo piano ha sempre occupato Alessandro Del Piero per la sua tecnica, la sua visione del gioco, la sua precisione, ma anche e soprattutto per la sua personalità, il suo atteggiamento, mai saccente o sfrontato; un campione che sa essere allo stesso tempo famoso e riservato, mantenendo il giusto equilibrio tra i successi sportivi e la quotidiana vita personale e familiare. Senza dimenticare, tra l’altro, le comuni radici venete con la mia famiglia”.

Vedi un erede di Del Piero nei campioni bianconeri di oggi?

“Non è facile trovare in tempi brevi un suo erede, forse un campione come Dybala potrebbe avere gli ingredienti giusti per porsi sulla sua scia, ma è ancora presto per dirlo”.

Segui sempre la Juve, vai allo stadio a vederla?

“Non vado spesso allo stadio, ma nel limite del possibile cerco di seguire tutte le partite disputate dalla squadra”.

Qual è la tua gioia più grande relativa alla Juve?

“La soddisfazione più grande è stata la vittoria dello scudetto 2011-2012, in cui si è vista una Juve che, guidata da Antonio Conte, ha voluto fermamente rinascere dopo la disavventura della serie B, una vicenda peraltro che ha sollevato non pochi dubbi e polemiche sul modo nel quale si è conclusa”.

Dove pensi possa arrivare la Juve quest’anno sia in Campionato che in Champions League?

In Campionato, salvo vistosi cali di tensione, non dovrebbe essere troppo difficile riuscire a conquistare un nuovo scudetto, che sarebbe anche il sesto consecutivo e quindi un nuovo primato. In Champions League non è così, anche se con la dovuta concentrazione e un po’ di fortuna, che è mancata invece nell’ultima stagione, è un traguardo che si può raggiungere. Mi sembra realistico considerare oggi la Juventus una tra le quattro squadre più forti in Europa”.

Sei uno sportivo, ami il surf e la pesca. Li pratichi a livello amatoriale o professionale? Cosa ti ha dato e insegnato lo sport?

“Pratico questi sport a livello amatoriale. Mi ha sempre attirato il mare. La pesca mi aiuta a rilassarmi , passo ore in silenzio di fronte al mare. Mentre cavalcare le onde con un bodyboard offre una sensazione unica, mi sento trasportato e avvolto in una scia misteriosa, sempre nuova. Un po’ come lo sport, sempre uguale e sempre nuovo nello stesso tempo, che può senz’altro diventare formativo per il carattere, la determinazione nell’impegno, l’attenzione e il rispetto dell’avversario aiutando così a superare le difficoltà e raggiungere nuovi traguardi”.

 

Check Also

MERCATO, Il Milan su un difensore della Juve

Stando a quanto riportato da Gianluca Di Marzio, il Milan avrebbe messo gli occhi sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.