Home / Esclusive / ESCLUSIVA MB VIERCHOWOD: “Chiellini e Bonucci i più forti, Spinazzola grande sorpresa. L’Ajax? Non come quella di una volta…”

ESCLUSIVA MB VIERCHOWOD: “Chiellini e Bonucci i più forti, Spinazzola grande sorpresa. L’Ajax? Non come quella di una volta…”

In esclusiva ai microfoni di MB, Pietro Vierchowod, lo Zar, ex difensore bianconero vincitore della Champions nella stagione 1995/96. Il punto riguardo al percorso della Juventus in Campionato e in Champions, passando poi dalla situazione Nazionale e sul futuro dei giovani in Italia.

Difensori come Chiellini e Bonucci in Italia non ce ne sono molti…

Con la penuria di difensori che abbiamo ben vengano due come loro. Purtroppo ne abbiamo solo due in tutte le più grandi squadre. Parlo anche per la Nazionale. Nella Roma e nel Napoli, le altre big italiane, non ce n’è, nel Milan ce n’è qualcuno. Se dovessero venire a mancare quelli della Juventus per questa Nazionale sarebbe problematico fare una formazione con un reparto difensivo saldo. 

Ah quindi anche per la Nazionale potrebbe essere un problema… 

Se andiamo a vedere, siamo costretti a prendere non i giocatori dei grandi club, ma forse quelli provenienti da club più umili. Ai miei tempi i giocatori più forti e che andavano in Nazionale erano quelli di Juve, Inter e Milan, più qualcuno proveniente dalle altre. Adesso, purtroppo, con la poca disponibilità di giocatori forti come i due centrali bianconeri e qualche altra eccezione, diventa difficile nel contesto Nazionale. 

A questo punto mi viene da ribadire il concetto del presidente Agnelli nel dare fiducia ai giovani…

Assolutamente si. Bisogna investire nei giovani, dandogli fiducia e facendoli crescere. E con questo non intendo farli giocare una volta ogni 6/7 mesi! Ad esempio, secondo me ora che la Juventus si trova a 18 punti dal Napoli e mancano 11 partite, potrebbe sperimentare delle nuove soluzioni, dando possibilità a qualche ragazzo più giovane, tipo Kean per l’attacco, ma ci sono anche difensori e centrocampisti da provare in questo contesto. C’è poco da fare: è la squadra più forte degli ultimi 8 anni, oramai anche quest’anno, a meno che uno non si suicidi, lo scudetto è nuovamente bianconero! 

Anche perché crescere nella Juventus è diverso che in altre squadre magari più umili…

Sì, dare l’opportunità a chi ha le qualità in un contesto forte come quello della Juve è più facile rispetto ad inserire un giovane in una squadra debole dove magari impara poco… 

Parliamo di Champions: lei ne ha vinta una un pò inaspettata nel ’96…

Inaspettata perché avevo 37 anni! Riuscire a giocarla e vincerla è stato il massimo, visto che nel ’92 con qualche anno di meno l’avevo persa in finale contro il Barcellona. Inoltre, chi andrebbe a prendere un 36enne come la Juventus di allora e a puntare su quel giocatore? Non era facile, ma hanno deciso di puntare su di me dandomi l’opportunità di vincere quel trofeo solo sfiorato qualche anno prima. 

Qual è stato il vostro segreto per vincere quella coppa? 

Da parte mia e da parte di quella Juventus, erano tutti professionisti. Allenamenti sempre intensi, capacità e disponibilità di ognuno di sacrificarsi per la squadra. Inoltre ogni mercoledì ci ritrovavamo per cenare insieme con l’obiettivo di creare coesione nel gruppo. Arrivammo secondi quell’anno, ma noi ci sentivamo di riuscire a farcela in Champions e così, giocando delle belle partite e vincendo poi ai rigori con l’Ajax, centrammo l’obiettivo. 

Ajax che tra l’altro sarà la prossima avversaria in Champions della Juve di oggi…

Quella che affrontai io con i miei compagni era una grande Ajax. Vinse la coppa dei Campioni l’anno prima a discapito del Milan. L’attuale Ajax è diversa: ha battuto quello che è un buon Real ma non un grandissimo Real, in quanto aveva già problemi in campionato e con l’allenatore (Solari ndr). I lanceri olandesi hanno dalla loro la freschezza, perché questi giovani corrono e non hanno problemi ad incontrare nessuna squadra, ma non si può paragonare con quella dei miei tempi!  

Uno dei problemi di questo Real probabilmente è stata anche la mancanza di Ronaldo…

Eh si! Senza Ronaldo il Real Madrid è al 50% meno pericoloso. Cristiano, come abbiamo visto tutti, fa la differenza in qualsiasi squadra. Togli un giocatore così da un’ottima squadra e stai pur certo che perderà sicuramente molto. 

E a tal proposito Ronaldo ha risolto martedì contro l’Atletico. A lei chi l’ha sorpresa di più in quel match? 

Spinazzola. Mi ha sorpreso molto perché non ha quasi mai giocato ed ha svolto un’ottima partita. È riuscito spesso ad andare sul fondo mettere la palla dietro e riuscire al contempo a rientrare e a fare la fase difensiva. È stata una sorpresa.

C’è da dire che anche Allegri sia sempre in grado di schierare la giusta formazione… 

Quando si ha una società così è molto più facile. Io ci sono stato so cosa vuol dire avere quella società alle spalle. C’è molta serietà e i giocatori per questo danno il massimo visto che devono fare solo quello senza nessun altro pensiero per la testa. Allenatore ok, società grandissima. 

Passiamo al campionato: lei è stato sia alla Juve che alla Samp. Mi viene difficile dubitare su chi tiferà…

Beh parti dal fatto che io sono tifoso juventino, quindi il problema non si pone (ride). In più giocano contro una squadra che io ho sempre visto come avversaria. Non c’è partita per domani, puoi anche permetterti di fare un grosso turnover, anche perché questa Juventus ha sempre a disposizione dei giocatori non titolari di grande qualità. In più con 18 punti dalla seconda puoi permetterti di far fare minuti ai più giovani volendo… 

La saluto pensando a quel Piacenza-Inter dove lei non fa respirare Ronaldo il fenomeno… 

(Ride) E avevo anche 41 anni! 

Check Also

SOCIAL, Demiral e altri calciatori turchi in una bufera politica

In questi giorni alcuni giocatori turchi si sono resi protagonisti di un acceso dibattito politico. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.