Home / News / Galia: “Allegri può cambiare modulo ogni volta, meritata la vittoria contro il Milan”

Galia: “Allegri può cambiare modulo ogni volta, meritata la vittoria contro il Milan”

“La Juventus ha disputato un grande primo tempo contro una grandissima squadra come il Milan. I bianconeri sono partiti forte, hanno fatto due gol e hanno avuto due occasioni per realizzare il terzo. Poi c’è stato il ritorno dei rossoneri, ma credo il successo sia meritato”. Parole e pensieri di Roberto Galia, ex Juventus intervistato da ‘TMW Radio‘. Dopo due partite il 4-2-3-1 ti convince? “Quando la squadra vince non si cambia. Credo Allegri abbia una rosa talmente ampia da poter decidere modulo e uomini di gara in gara. Vedere quattro attaccanti che giocano, soffrono e danno il massimo fa capire come lavora la Juventus. Questa è la mentalità delle grandi squadre che vogliono vincere tutto”. E’ l’inizio della vera Juve che vedremo a marzo? “Quello sarà un momento importantissimo della stagione. Bisogna dare merito ai calciatori che hanno dato piena disponibilità. Questa è la mentalità delle grandi squadre, così si vincono i campionati e le grandi competizioni”. Quando tornerà Marchisio chi resterà fuori? “Non è facile dirlo, ma Marchisio è un giocatore importante per la Juventus”. Roma e Napoli, da chi si deve guardare la Juve? “Ho visto il Napoli vincere a Milano e devo dire che ha disputato una grandissima partita: Sarri a questa squadra ha dato grande velocità, è riuscito a modificare il gioco della squadra dopo l’infortunio di Milik. La Roma ha grandissima qualità, ma non sempre riesce ad avere continuità”.

Check Also

PAGELLE MB, Dybala super star: salva la squadra dal baratro segnando una doppietta. Cudrado e Pjanic in formissima

Szczesny 5.5: Nell’episodio del vantaggio russo, respinge il primo tiro proprio sui piedi di Miranchuk …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.