Home / blu / GAZZETTA DELLO SPORT, Last Banner: come la festa scudetto rischiava di saltare

GAZZETTA DELLO SPORT, Last Banner: come la festa scudetto rischiava di saltare

Secondo La Gazzetta dello Sport durante la deposizione del 21 gennaio scorso del dirigente bianconero Alberto Pairetto – era la persona che teneva i contatti tra società e tifoseria – si parla della lettera ricevuta dal questore di allora Francesco Messina. Un documento datato 17 aprile 2018 (cinque giorni prima della partita contro il Napoli persa per un gol di Koulibaly) nel quale viene chiesto di tagliare il cordone ombelicale con gli ultrà e la cessione irregolare dei biglietti: “A fine campionato avviene il punto di rottura – racconta Pairetto – il Questore ci ordina di non concedere più nulla per le ultime tre partite e con la Questura concordiamo, su nostra richiesta, di posticipare le nuove regole al campionato successivo. Era un momento difficile per la squadra e avevamo paura che ci facessero chiudere lo stadio. Era necessario che la premiazione dell’eventuale vittoria dello scudetto non fosse compromessa anche a livello di immagine con azioni violente. Un’invasione di campo poteva essere un problema serio”.

Il 19 giugno di un anno fa arriva la denuncia: Pairetto comunica alla Digos di voler tagliare i rapporti con gli ultrà. A quel punto inizia l’inchiesta che porta all’arresto dei 12 capi ultrà e alla gara col Verona, la prima senza tifo organizzato. 38 ultrà hanno avuto il Daspo per 10 anni, la Sud è pronta a cambiare per sempre. Alle 10.30 è in programma una conferenza stampa presso la Questura di Torino, nella quale verranno forniti ulteriori dettagli.

Check Also

JUVENTUS, Rientra Bentancur a centrocampo… Pjanic squalificato

Buone notizie per Maurizio Sarri in vista della gara contro l’Udinese di domenica. Secondo quanto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.