Home / News / I numeri della Champions dicono Juve. Grazie Siviglia, ma adesso…

I numeri della Champions dicono Juve. Grazie Siviglia, ma adesso…

Sono incoraggianti le cifre di Champions, a cominciare dal fatto che per la prima volta dal 2008-09 non occorre aspettare l’ultima giornata, che allo Stadium la Juve non perde da 12 partite (Bayern 2013 l’ultima), e che in 15 sfide europee l’unica sconfitta sia quella di Berlino. D’accordo, il gruppo che sembrava impressionante è poi risultato meno drammatico. Però la Juve comanda e scopre che Alex Sandro non sa solo attaccare, suo l’assist-cross per il croato, ma anche difendere con ordine. C’è da equilibrare Pogba, incontenibile e superficiale. Può stupire la panchina di Morata, seconda consecutiva dopo il Milan, ma Allegri vede giusto: il movimento di Dybala, e il peso del croato tra i non mobilissimi Demichelis-Otamendi, sono vincenti, mentre la voglia dello spagnolo è l’arma per le ripartenze in una ripresa in cui, ormai tutti qualificati, ci si diverte tra pali, tiri e grandi parate. Grazie, ripetiamo, al Siviglia. Che se vuole salvare la stagione deve battere la Juve per sperare di «retrocedere» almeno in Europa League. Ecco perché non fidarsi è meglio negli ultimi 90’. Il secondo posto, con Bayern, Barcellona e Real all’orizzonte, non sarebbe il massimo, scrive La Gazzetta.

 

allegri

Check Also

URBANO CAIRO, “Introiti della Serie A ingiusti, la Juve ne riceve troppi in più degli altri”

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha rilasciato alcuni commenti ai colleghi della Gazzetta dello Sport, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.