Home / News / Il bianco e il nero dell’eterna vittoria
Dal profilo Instagram della Juventus

Il bianco e il nero dell’eterna vittoria

La noia o la storia: da che parte state? Comincia da qui l’analisi di quello che è l’ottavo scudetto consecutivo della Juventus, un’era quella targata da Andrea Agnelli che non si sa se e quando verrà imitata da altre squadre in Serie A, un qualcosa che mai nessuno neanche lontanamente aveva mai potuto osare di tentare, figuriamoci di porre in essere: tante le imprese, dalla Juve dei cinque scudetti a quella del Grande Torino, dal Milan degli olandesi alla Juve di Lippi, fino all’Inter post-Calciopoli, giusto per spaziare lungo tutto l’arco di quello che è il CV del nostro campionato. Ognuna con il suo contesto, realtà differenti, pregiudizi e polemiche, e non fa eccezione questo cammino bianconero: basti guardare, per esempio, alle critiche feroci di un paio di settimane fa dopo il rigore non concesso al Milan per il mani di Alex Sandro, perché si sa che in Italia siamo fra i primi al mondo in termini di pettegolezzo e costruzione dell’alibi. Già, perché per una Juve che domina da otto anni, più o meno indisturbatamente, dall’altro lato ci sono progetti che non riescono a fare il salto di qualità definitivo, altri che falliscono, altri che neanche conoscono la fase embrionale.

Oggi, però, è il momento di celebrare la Vecchia Signora, quest’anno con una copertina speciale che ha come volto quello di Cristiano Ronaldo. Il suo acquisto quest’estate ha creato un ulteriore vuoto tra la Juve e le altre big della Serie A, un vuoto che stando alle politiche del calcio odierno sembra sempre più incolmabile, rischiando di diventare un buco nero.

Non è certo facile porre fine al fatto che i top club diventino sempre più forti e le piccole sempre più in difficoltà. Per assurdo le stesse big pagano lo scotto di giocare in un campionato che diventa poco competitivo, andando alla ricerca di soluzioni come la “Super Lega” che non fanno altro che uccidere ulteriormente il calcio nella sua essenza: quella di sport popolare.

Check Also

PAGELLE MB, Mandzukic ritrova il gol. Il calore dello Stadium è per Barzagli

Szczesny 6.5: non può molto sul gol del vantaggio di Ilicic, ma riesce ad essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.