Home / Calciomercato / Il gladiatore che piace anche a Maradona vestirà ancora la maglia bianconera

Il gladiatore che piace anche a Maradona vestirà ancora la maglia bianconera

Tuttosport ha dedicato un’articolo a Paolo Dybala, fresco di rinnovo con la maglia bianconera.
«Mi chiamo Massimo Decimo Dybala…». No, la Joya non avrebbe né physique du role né espressione truce per sostituire Russel Crowe ne “Il gladiatore”. Però sul campo il phsique du role conta fino a un certo punto e l’espressione ancora meno. Pesano la grinta e la voglia di lottare e quelle Paulo Dybala le ha da gladiatore vero, come quelli che hanno ispirato la sua esultanza con pollice e indice portati sotto gli occhi, da lui stesso battezzata DybalaMask: «E’ la maschera di un gladiatore – ha rivelato sul suo profilo Facebook, dove aveva invitato i fan a indovinare e a postare foto mentre lo imitavano -. Quando lottiamo, a volte indossiamo una maschera da guerrieri per essere più forti, senza perdere sorriso e gentilezza»

Nelle ultime due partite la maschera da guerriero per il ventitreenne attaccante argentino ha coinciso con l’abito da trequartista, che Allegri gli ha fatto indossare nel 4-2-3-1 disegnato per esaltare le sue stelle, a cominciare proprio dalla Joya. Che nella nuova veste si sta trovando a meraviglia: libero di svariare su tutto il fronte dell’attacco, alle spalle di Higuain che con la sua abilità nell’attaccare la profondità gli apre spazi importanti tra le linee avversarie, in mezzo a Cuadrado e Mandzukic che gli offrono sponde diversissime per tipologia ma ugualmente preziose per qualità. Dybala ricambia con tecnica, velocità, fantasia e anche ferocia da guerriero nell’andare a chiudere l’azione: qualche colpo sarà anche andato a vuoto, ma quattro gol nelle cinque partite giocate a gennaio (tre dei quali sullo 0-0, con la Lazio in campionato e con Atalanta e Milan in coppa) denotano un certo killer instinct. Un cattiveria che il talento di Laguna Larga sta mostrando anche in fase di non possesso, sobbarcandosi assieme agli altri compagni del reparto offensivo i ripiegamenti indispensabili per rendere sostenibile il nuovo assetto tattico.

Trequartista, argentino, mancino. La massima espressione delle tre caratteristiche, Diego Armando Maradona, non perde occasione per elogiare Dybala: «E’ un fenomeno», è stata l’ultima carezza del Pibe al bianconero, attraverso il portale argentino TycSports. «Diego, grazie mille per le belle frasi che dici sempre su di me – ha risposto con un video messaggio sui social il bianconero. Spero di conoscerti presto, sarebbe bellissimo poterti incontrare un giorno, idolo. Un abbraccio grande».
Tra i gol a raffica, l’esultanza che ha fatto impazzire i tifosi (sono state ottomila le foto postate sui suoi profili social) e i complimenti di Maradona, il gennaio di Dybala è stato finora un mese strepitoso. E il bello deve ancora arrivare: ieri mattina l’ad bianconero Beppe Marotta ha incontrato il suo agente Pierpaolo Triulzi a Torino, limando gli ultimi dettagli di un’intesa di fatto già raggiunta sul rinnovo del contratto. Un accordo sul quale a giorni verranno apposte le firme e che farà di Dybala il giocatore più pagato della rosa bianconera assieme a Higuain, certificandone lo status di stella. Ma, soprattutto, un accordo che farà di lui il simbolo della Juventus nelle prossime stagioni: «Vedendo il video dell’addio di Del Piero mi sono commosso, sarebbe bello suscitare un affetto simile», ha rivelato pochi giorni fa. La strada è lunga, ma il primo passo lo sta facendo.”

Check Also

POSTPARTITA, Bonucci: “Stasera un punto fondamentale. Le mie condizioni…”

Leonardo Bonucci, difensore bianconero, ha dichiarato a DAZN: “Per tre giorni non mi sono allenato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *