Home / News / Il muro Barzagli stringe i denti e lavora: ecco il suo obbiettivo

Il muro Barzagli stringe i denti e lavora: ecco il suo obbiettivo

Tuttosport analizza il trauma fisico di Barzagli, un infortunio del genere alla spalla avrebbe steso chiunque. Non una roccia come il difensore bianconero, che quel soprannome se l’è conquistato sul campo e non sembra affatto intenzionato a farsi scalfire da nulla a 35 anni suonati. Solo di lunedì il comunicato della Juve riguardo la diagnosi che parlava di una lussazione alla spalla sinistra dopo la brutta caduta patita col Chievo, con relativa prognosi complessa di circa due mesi prima del rientro in campo dopo quattro settimane piene da vivere con un tutore immobilizzante. Appuntamento al 2017 dunque? Non è ancora detto.

Non ha perso nemmeno un giorno di tempo Barzagli, che ha da subito cominciato le terapie necessarie per poter rientrare il prima possibile. Con tanto di post su Instagram in cui si mostra sorridente e determinato: «Oggi (ieri, ndr) prime cure per tornare il prima possibile». E se il comunicato della Juve non lascia troppo spazio all’immaginazione, è altrettanto vero che già in passato proprio Barzagli ha dimostrato di saper accelerare i tempi e stringere i denti se necessario. L’obiettivo non dichiarato infatti sarebbe quello di farsi trovare pronto per la finale di Supercoppa prevista per venerdì 23 dicembre a Doha contro il Milan, un appuntamento al quale il difensore della Juve e della Nazionale non vorrebbe assolutamente mancare. Senza rischiare o forzare in una fase della stagione particolarmente delicata, ma anche senza voler lasciare nulla di intentato. Un nuovo punto della situazione verrà effettuato una volta dismesso il tutore immobilizzante e ultimate le terapie, poi partirà la corsa contro il tempo.

Check Also

POSTPARTITA, Chiesa: “Faccio quello che dice il mister, volevamo la vittoria. Contento di essere qui”

È da pochi minuti terminato il primo match stagionale di Champions League dei bianconeri contro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *