Home / News / Intrigo internazionale: l’Arabia Saudita non rispetta il minuto di silenzio per l’attentato di Londra

Intrigo internazionale: l’Arabia Saudita non rispetta il minuto di silenzio per l’attentato di Londra

Un’immagine che vale più di mille parole e in Inghilterra ha già scatenato polemiche. Arabia Saudita e Australia sono in campo per disputare una delle gare di qualificazione per il prossimo Mondiale di Russia 2018. Si gioca ad Adelaide, le formazioni scendono sul rettangolo verde e – come indicato dalla Fifa – si schierano l’uno di fronte all’altra nel cerchio di centrocampo. La terna arbitrale è ai loro lati. Qualcosa però va storto e viola il protocollo. Nessuna invasione di campo, nessun fischio a turbare quel minuto di silenzio previsto in memoria delle vittime dell’ultimo attentato terroristico che ha squassato il cuore di Londra.

Violato il protocollo. I calciatori sauditi rompono le linee e sfruttano quel momento di raccoglimento per fare altro… saltellare sul posto, compiere qualche esercizio di stretching, ultimare il riscaldamento, alcuni parlano tra di loro (stessa cosa per quanto riguarda compagni di nazionale in panchina), altri ancora semplicemente si allontanano dalla metà campo, soltanto uno resto fermo e con le braccia dietro la schiena in segno di partecipazione emotiva: tutti in apparenza disinteressati rispetto al cordoglio dopo l’attacco a London Bridge (ne dà notizia il tabloid Telegraph). Dall’altra parte i ‘socceroos’ sono l’uno accanto all’altro abbracciati e assistono con stupore a cosa accade dinanzi ai loro occhi.

Da capire se la protesta sia legata alla disparità di trattamento tra le vittime occidentali (degli attentati a Londra, Parigi ecc) e le altre dei paesi africani.

Check Also

SARRI LIVE: “Juve-Inter non è come le altre. Ronaldo deve fare la differenza”

La conferenza di Maurizio Sarri alla vigilia della sfida di ICC contro l’Inter: INTER – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.