Home / blu / Joao Mario consiglia la Juve: “Il Porto assomiglia al Milan, ecco i pericoli e come affrontarli”

Joao Mario consiglia la Juve: “Il Porto assomiglia al Milan, ecco i pericoli e come affrontarli”

Joao Mario ha rilasciato un’intervista a Tuttosport, parlando della Serie A e della Champions League: «Per vincere il campionato non c’è bisogno solo di una buona rosa, ma occorre un equilibrio totale fra tutte le componenti del club. Ci vuole stabilità e un progetto chiaro. Forse a noi in questi ultimi mesi è mancata la stabilità, col cambio di proprietà, ma sono sicuro che col passare del tempo anche noi cresceremo sotto questo aspetto. Comunque se la Juve vince da cinque anni, qualcosa di buono l’ha costruito».

Juve che negli ottavi di Champions affronterà il Porto. «Avversario complicato, basta chiedere alla Roma per una conferma. C’erano squadre più accessibili per la Juve, anche se per quanto fatto vedere finora, i bianconeri sono di un altro livello. La Juventus è chiaramente favorita, ma non sarà facile, specialmente al “Dragão”. Il Porto ha una sua storia in Champions e ha fatto ottime prestazioni nelle ultime edizioni: di certo non avranno problemi legati all’inesperienza».

Quali possono essere le maggiori insidie per Higuain e compagni? «La Juve principalmente deve stare attenta e rimanere concentrata. Mi ricordo che due anni fa incontrò il Benfica nella semifinale di Europa League (24 aprile-1 maggio 2014), pensava di vincere facile per poter poi giocare la finale in casa, a Torino, ma fu eliminata. L’errore da non commettere sarà quello di sottovalutare l’avversario».

Ci sono dei giocatori da tenere d’occhio? «In questo momento il miglior giocatore del Porto è Andrà Silva: è giovane e segna molto. Poi attenzione a Corona e Brahimi, sono loro che spazzano gli equilibri: con la loro velocità potrebbero creare problemi alla fase difensiva dei bianconeri».

C’è una squadra italiana che può ricordare il Porto? «Non esistono squadre simili in Italia, principalmente perché parliamo di stili di gioco differenti. Il Porto gioca col 4-3-3 e in Italia lo si usa poco. Forse l’unica squadra che può essere paragonata per il sistema di gioco è il Milan, ma poi attuano il modulo in maniera diversa».

Check Also

FCJ SOCIAL, Quel poker a Vienna ed il magnifico goal di Casiraghi

Con un post pubblicato sui canali social ufficiali della società, l’FC Juventus condivide assieme ai tifosi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *