Home / News / Joaquin ricorda quel pazzo 4-2: “Che brividi battere la Juve in quel modo”

Joaquin ricorda quel pazzo 4-2: “Che brividi battere la Juve in quel modo”

Sono giorni difficili per la Fiorentina. Dopo la sconfitta di Udine e dopo essersi ancorati al quinto posto, i ragazzi di Sousa ospiteranno domenica sera al Franchi la Juventus, sempre più vicina al suo quinto scudetto consecutivo. Per ripartire servirà un’impresa, come quella del 20 ottobre 2013. Ed è proprio uno dei principali interpreti di quella gara a rilasciare un’interessante intervista a Garrisca al Vento, ossia lo spagnolo Joaquin, ora al Betis:  Cosa ricordo di quel 20 ottobre 2013? Mi vengono ancora i brividi se ripenso al gol del 3-2. Rimasi davvero colpito dalla carica dei tifosi, che ci spinsero dal 1′ all’ultimo minuto di gara. Già da due-tre giorni prima della partita si respirava grande entusiasmo a Firenze, proprio grazie all’appoggio dei nostri tifosi. Quel giorno, dopo la vittoria, mi sono sentito un fiorentino acquisito. I tifosi viola sono spettacolari, unici. Sono simili a quelli del Betis. Adesso la Fiorentina è l’unica squadra che in Italia gioca il vero fútbol. All’inizio era partita forte, facendo cose straordinarie, ma una stagione è lunga e piena di insidie. E’ complicato mantenersi a livelli così alti per tutto l’anno. I viola però restano in ogni caso un’ottima squadra. Sousa mi piace, è un allenatore moderno che lavora molto col pallone. E’ senza dubbio destinato a raggiungere traguardi importanti. Deve continuare ad essere lui il tecnico di questa squadra. Un messaggio ai tifosi? Ai tifosi viola e ai miei ex compagni dico in bocca al lupo con tutto il cuore. So bene quanto la piazza tenga a questa gara e spero che la Fiorentina possa ripetere l’impresa del 2013, perché battere la Juve ha sempre un sapore speciale. Porterò sempre Firenze e i viola nel mio cuore”.

 

 

FIOCHIEVOILICIC

Check Also

PJACA, Il Cagliari ha in mano l’attaccante… un ex bianconero in uscita

Sempre più Cagliari nel futuro di Marko Pjaca, attaccante croato classe 1995 della Juventus: come …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.