Home / News / Juve forza 6: la notte dei riscatti! ecco le pagelle

Juve forza 6: la notte dei riscatti! ecco le pagelle

Finisce come forse era pronosticato e come sicuramente noi tutti volevamo, ossia con i ragazzi prima sotto la Sud e poi sotto la Nord a ringraziare i propri tifosi , i quali hanno reso infuocata la classica atmosfera blanda delle gare di coppa Italia, accorrendo in oltre 40. 000 sulle gradinate dello Stadium. Punteggio tennistico quest’ oggi, in una notte in cui chi, fino ad ora, ha trovato poco spazio, ha saputo dimostrare quanto sia difficile guadagnarsi una maglia da titolari in una squadra come questa, pur essendo in grado di compiere giocate fenomenali. Certo, è difficile giudicare quando la squadra avversaria si rivela essere troppo remissiva e tenera quale il Verona in questa tipica, fredda e invernale notte torinese, ma i segnali che dovevano essere dati da parte di alcuni non si sono fatti attendere e questo è l’ importante. Partiamo con le valutazioni:

Storari :voto 6= il portiere di riserva, forse ,più forte della serie A si riprende le chiavi della porta della squadra campione d’ Italia e lo fa senza dover correre grossi pericoli. Non si mostra sempre sicurissimo su alcune uscite, ma la sicurezza un portiere l’ acquista solo giocando con continuità, ma questo, quando davanti hai una leggenda come Buffon, diventa molto complicato. Da segnalare, tuttavia, due grandi interventi, entrambi su Campanharo.

Bonucci : voto 6,5= giornata di piena tranquillità per tutti e quattro i difensori. Che dire riguardo a Bonny? ormai è uno dei leader di questa squadra e sembra di rivedere un certo Fabio Cannavaro: disimpegni, anche questo’ oggi, in grande stile e con un’ attenzione sempre elevata, che lo porta a guidare la difesa così come leonida comandava i suoi 300 soldati alle Termopili.

Ogbonna: voto 6= quando la voglia supera tutto ma non il fato: questo è il caso di Angelo Ogbonna, il nostro mastodontico difensore centrale che, a causa di un colpo alla caviglia, è costretto a lasciare il campo al 39′ del primo tempo. Peccato, perché il ragazzo aveva tanta voglia di mettersi in mostra dopo i recenti infortuni e lo stava dimostrando sul campo, ma delle volte bisogna essere anche fortunati e questo non è stato il suo caso. ( dal 39′ p.t Chiellini: voto 6= una giornata di meritato riposo si trasforma, invece, in tutt’ altro per il difensore livornese, costretto ad entrare in campo prima della fine del primo tempo. Meno male che gli avversari non si rendono poi così tanto pericolosi, permettendogli, dunque, di sciogliere semplicemente le gambe)

Padoin: voto 6= giornata di normale amministrazione per il ” tuttofare ” bianconero, sempre pronto quando lo si chiama in causa e disposto a sacrificarsi in tutti i ruoli. Oggi il suo compito era quello di ricoprire la fascia sinistra di difesa e non ha dovuto sudare le sue solite sette camicie, dato che il gioco si è soprattutto sviluppato sul versante destro.

Lichtsteiner: voto 6,5= solita prova di grande intensità quella del terzino destro bianconero. Sempre con il piede premuto sulla’ acceleratore, sia che sia una partita di coppa Italia sia che sia una partita di campionato, fornisce un grande assist a Giovinco per la terza rete della sua squadra e dimostra quanto sia fondamentale il suo recente rinnovo. ( dal 81′ s.t Matiello: sv= troppi pochi minuti destinati al diciannovenne centrocampista bianconero e troppi pochi palloni toccati per rendere possibile un giudizio. Tuttavia è bello ricordare il suo debutto in serie A in Lazio Juventus 0 a 3… il ragazzo ha stoffa!)

Pogba: voto 7,5= se il giovane centrocampista francese viene sempre definito,da parte di ogni suo compagno o allenatore, un grande professionista, un motivo ci sarà. Nonostante, infatti, tutte le voci di mercato che circolano continuamente intorno al suo nome, Paul continua a giocare e lo fa alla grande, mantenendo i piedi saldi a terra a differenza di molti suoi colleghi, che, dopo una notte da campioni, già si sentono tali. Prestazione, quella di stasera, ancora più decisa rispetto a Napoli, una prova finalmente saggia e senza eccessi, nella quale trova il secondo gol nel giro di 5 giorni. Uscito un po’ dolorante dal campo dopo i festeggiamenti… speriamo non sia niente di grave.

Pereira: voto 7,5= stesso voto anche per il suo compagno di reparto, che, sebbene leggermente inferiore come qualità di prestazione, condisce il tutto con una magia, bevendosi prima Rodriguez e superando poi Rafael con un delizioso esterno destro, che gli permette di insaccare in pallonetto il secondo gol della giornata. Lo Stadium si alza in piedi, nella speranza che anche il giovane centrocampista argentino si sia definitivamente sbloccato.

Marchisio: voto 7= torna ad essere piuttosto convincente anche il principino torinese, capace di farsi trovare in tutte le parti del campo e a smistare e recuperare palloni. In attesa di qualche suo inserimento old style, noi tutti, nel frattempo, siamo ben lieti di goderci prestazioni di questo tipo.

Pepe: voto 7= Eccolo Simone Pepe, lì dove gli compete, ossia sul rettangolo verde. Quel posto nella panchina, accanto ai suoi compagni, o quella poltroncina della tribuna dello Stadium, si erano ormai fatte troppo strette per lui, desideroso di ripercorrere quella fascia avanti e indietro. Questo voto Simone se lo merita, lui che in questi due anni da incubo non ha mai mollato, rimanendo accanto ai propri compagni nel momento del bisogno. Anche giocatori di questo tipo permettono alle proprie squadre di vincere i campionati, in quanto fondamentali all’ interno del collettivo. Il centrocampista bianconero, qualora dovesse ritornare in forma, sarebbe il più importante acquisto che si possa fare, perché permetterebbe di variare dal 4-3-1-2 al 4-3-3, modulo base in Europa. Avanti Simone, ti manca solo un ultimo passo per tornare grande!

Morata: voto 7 = ecco un altro dei piacevoli riscatti di stasera! Dopo un periodo non troppo facile per il centrocampista spagnolo,  mister Allegri lo getta nella mischia, venendo pienamente ripagato. Alvaro, infatti, si mostra fin da subito molto propositivo, con giocate di alta qualità miste al tipico lavoro sporco della punta. Peccato solo non vederlo esultare dopo il rigore segnato.

Giovinco: voto 8 ( il migliore)= La notte del piccolo folletto bianconero è finalmente arrivata, proprio quando nessuno, forse, se lo aspettava. Seba sostituisce nel migliore dei modi l’ Apache, sfruttando al massimo l’ opportunità offertagli dal proprio allenatore, infilando Rafael al quinto minuto del primo tempo su un bel calcio di punizione e raccogliendo puntualmente l’ assist del suo compagno Stephan al termine dei primi 45 di gioco. Molto bella la standing ovation del pubblico alla sua uscita dal campo, così come le parole di Allegri a fine gara, volte a confermare una piena  fiducia nei suoi confronti .  ( dal 65′ s.t Coman: voto 7,5= così come Sebastian, anche il giovane attaccante francese, classe 1996, non si dimenticherà facilmente di questa partita. Che il ragazzo avesse una qualità e un potenziale enorme, già lo si era potuto vedere a Verona e a Firenze, oltre che in alcuni spezzoni di partita e quello che ci ha fatto vedere oggi ha dello straordinario: un gol quasi alla Del Piero se avesse infilato la palla a giro sul secondo palo, ma lui compie una cosa altrettanto complicata, ossia un tiro di potenza, in precario equilibrio, che si va ad infilare sotto la traversa, prendendo il portiere veronese in leggero controtempo. Chiamiamolo pure gol alla Coman!)

SIMONE GOLIA

Check Also

LIVE MB, JUVENTUS-SAMPDORIA 3-0: CR7 NON SI NEGA LA GIOIA DEL GOL

Arriva il triplice fischio di Piccinini che manda le squadre sotto la doccia. La Juventus …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *