Home / rosso / JUVENTUS e il 2018: l’anno dei record, delle vittorie e degli acquisti determinanti

JUVENTUS e il 2018: l’anno dei record, delle vittorie e degli acquisti determinanti

Una Juventus schiacciasacci, una Juventus da record. Si potrebbe intitolare così il 2018 della Vecchia Signora, una scalata verso il posto più alto su tutti, interrotta solamente dalla partita con il Real Madrid: era il 3 aprile, quarti di finale molto sentito allo Juventus Stadium, con i blancos spietati che travolgono la Juventus per 3-0, con una doppietta di CR7. Il ritorno, datato 11 aprile, la Juventus scende in campo senza Dybala, espulso all’andata, ma con Douglas Costa titolare. Ma il più importante è Mario Mandzukic, che porta in vantaggio i suoi al 2′ e poi raddoppia al 37′. La Juventus ci crede sempre di più e il Bernabeu scende di decibel: Matuidi segna il 3-0 a mezz’ora dalla fine, vorrebbe dire supplementari, rimonta contro il Real, squadra attualmente più forte d’Europa e del mondo. Ma nei minuti di recupero, Benatia commette fallo in area di rigore..poi da li tutti i tifosi bianconeri sanno cos’è successo..

Unica sbavatura di una stagione perfetta, come le ultime 4, con vittoria di Campionato e Coppa Italia ma sogno Champions mai avverato, due finali perse in tre anni, ed eliminazioni con Real Madrid e Bayern Monaco, sempre su rimonta nel finale..

Adesso però c’è un Cristiano Ronaldo in più e tanta voglia di vincere, battendo altri record, superando se stessi, grazie anche ai tanti tifosi che seguono i bianconeri in Italia e nel Mondo. Il 2018 è stato l’anno anche di Mister Allegri, che ha saputo gestire una flotta di ragazzi e trasformarli in uomini, oltre ai veterani di squadra. Basti vedere Rugani, che nella scorsa stagione ha saputo convincere; Bentancur, capace di diventare il perno centrale della mediana di Allegri; Cancelo, che in questi mesi alla Juventus ha dimostrato di essere uno dei terzini più forti al mondo e soprattutto aver ritrovato Paulo Dybala, spento verso fine anno, importante quest’anno a livello di qualità, non quanto di reti, a quello ci pensa CR7.

La Juventus, nell’anno solare, ha ottenuto 101 punti: eguaglia cosi il record del Grande Torino del 1948 (se si contano 3 punti a vittoria) e batte qualsiasi altra squadra Europea, secondo il Psg a 90 punti.

Tutti questi punti si riassumono con una percentuale, ovvero l’80,8% di vittorie in tutte le competizioni; secondo miglior risultato di sempre, secondi solo a se stessi in quanto sempre i bianconeri raggiunsero il primato con l’81.8% di vittorie nel 1932: in Serie A sono arrivate 32 vittorie (meglio solo nel 2016 con 33).

Importante anche il dato sulle sconfitte: nel 2006 il record dell’imbattibilità, mentre quest’anno una sola sconfitta, quella contro il  Napoli per 1-0, ma senza mai perdere in trasferta. In tutte le competizioni invece raggiunge quota 11.5% di sconfitte (meglio solo nel ’32 con il 6% e nel 2016 con il 9.8%)

Numero di reti messe a segno? Sono ben 76, ma ancora meglio sono i gol incassati, 20 in un anno, con ben 22 clean sheet (di cui 12 in trasferta, record eguagliato a quello del 2012).

Per questa nuova stagione invece, sono bastate solamente 19 partite per infrangere altri record: 14 gol di Cristiano Ronaldo, primo esordiente a riuscirci dopo Milito nel 2008/2009; sempre CR7 con una media tiri a partita di 6,6 che è superiore di almeno 2,5 su chiunque altro in Europa; ma soprattutto i 53 punti conquistati su 57 disponibili fanno capire che la Juventus è la primatista nonostante gli infortuni continui.

Se continua cosi la proiezione sarebbe a 106 punti (record assoluto): speriamo che il 2019 sia ancora meglio di quello passato!

Check Also

RASSEGNA STAMPA, i titoli sulla Juventus dei quotidiani sportivi

Ecco i titoli dei quotidiani sportivi sulla Juventus: TuttoSport: “Allarme Champions. Juve sottotono a Firenze: al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.