Home / News / Khedira no, Lemina forse. E così Allegri si affida al jolly

Khedira no, Lemina forse. E così Allegri si affida al jolly

«Che ce frega di Ronaldo, noi c’abbiamo Padoin», cantavano i tifosi della Juventus dopo la vittoria sul Real Madrid. Simone Padoin non gioca spesso ma è molto amato dai tifosi, perché l’anno scorso Massimiliano Allegri l’ha utilizzato come jolly e lui non ha mai tradito. Domani contro la Lazio potrebbe toccare di nuovo al Pado, perché l’emergenza a centrocampo continua e il tecnico non ha grandi soluzioni.
RECUPERI DIFFICILI Ieri Khedira e Lemina si sono allenati ancora a parte. Il tedesco deve fare i conti con il riacutizzarsi di una vecchia cicatrice, che l’ha costretto a saltare le ultime 3 partite (Milan, City e Palermo) e difficilmente verrà convocato per Roma, anche perché le frequenti ricadute inducono alla massima cautela. Qualche speranza in più per Lemina, non convocato per la trasferta siciliana per un’infiammazione al tendine rotuleo. Allegri proverà a recuperarlo, se non ce la farà la scelta sarà praticamente obbligata: il tuttofare Padoin nel 3-5-2, con Marchisio in regia e Sturaro a fare l’altra mezzala.
ALTRO RUOLO D’altronde con Pogba squalificato ed Hernanes e Pereyra ancora indisponibili (Asamoah è tornato in gruppo ieri, ma è difficile ipotizzare che Allegri lo butti nella mischia in una partita delicata, visto che è fermo dal 25 ottobre e soprattutto ha giocato solo 55 minuti in questa stagione) non ha altri centrocampisti arruolabili. Così Padoin, dopo aver fatto il regista e il terzino quest’anno, si esibirà come interno. Finora l’ex atalantino ha giocato 5 gare da titolare: con Udinese e Roma, quando fece il vice Marchisio, non è andata benissimo, idem contro il Napoli (da terzino destro): 3 sconfitte. Meglio contro Atalanta e Torino (2 vittorie), sempre da esterno destro. Allegri lo considera duttile ed affidabile, l’ha difeso dopo le critiche post Roma. Meglio puntare su un usato sicuro che rinunciare alla difesa a tre in un momento in cui la Juventus ha trovato una sua stabilità. L’alternativa infatti sarebbe passare a un 4-4-2 sperimentale, azzardato in un match che vale tantissimo per i bianconeri. Padoin invece offre buone garanzie e Allegri, anche in caso di recupero di Lemina, potrebbe optare ugualmente per il giocatore più esperto. L’emulo di Pogba (per la cresta) ha giocato poco anche lui: 4 da titolare, con Genoa, Frosinone, Napoli e Sassuolo (1 successo, 1 pari e 2 k.o.).

 

 

Lemina

Check Also

RASSEGNA STAMPA, I titoli sulla Juventus

Ecco i titoli sulla Juventus nei quotidiani sportivi oggi in edicola Tuttosport: “Paulo Dybala: “Al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *