Home / editoriale / Kulusevski, un talento da Juve
Dal profilo Instagram del giocatore

Kulusevski, un talento da Juve

La juventus è ormai vicinissima a definire l’acquisto di Dejan Kulusevski, giocatore di proprietà dell’Atalanta e attualmente in prestito al Parma. Le cifre, secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio esperto di mercato di Sky, dovrebbero essere le seguenti: 35 milioni di euro + 10 milioni di bonus, di cui 5 difficilmente raggiungibili, e al giocatore 5 anni di contratto a 2 milioni di euro a stagione. Insomma cifre importanti quelle che la Juventus sembrerebbe pronta ad investire sul talento svedese, e con le quali starebbe per battere la concorrenza in particolare dell’Inter. Dopo aver letto di questi numeri imponenti economicamente una domanda sorge spontanea per molti che non conoscono il giocatore, “ma chi è Kulusevski”? Andiamo a conoscerlo più nello specifico. 

Nato nel 2000 in Svezia da genitori di origini macedoni, Kulu (così è soprannominato), dopo aver iniziato la propria carriera giocando a futsal, addirittura nel ruolo di difensore, è cresciuto nel settore giovanile del Brommapojkarna, squadra con sede a Bromma, sobborgo occidentale della città di Stoccolma. Il talento svedese sin dagli inizi si intuiva avesse qualcosa in più degli altri, tanto è che veniva fatto giocare con i ragazzi del 1999 ritenendolo fuori categoria per la propria annata. Kulusevski si trasferisce in Italia ed in particolare all’Atalanta nel 2016 per soli 100.000 euro, aggregandosi inizialmente al settore giovanile dei bergamaschi ed esplodendo definitivamente nell’annata in corso grazie al prestito al Parma e ai consigli di mister D’Aversa. Passando alle caratteristiche fisiche del giocatore, Dejan è alto 186 cm e ciò che di lui ruba subito l’occhio è soprattutto la strepitosa forza che dimostra di avere nelle gambe abbinata ad una velocità ed agilità che non si addicono spesso ad un corpo così possente. Tecnicamente parlando invece la caratteristica che più spicca nello svedese è la capacità di saper verticalizzare con facilità e con passaggi precisi che molto spesso mettono i compagni davanti al portiere, lo dimostrano i 5 asssit fin qui collezionati in campionato. Ma anche nell’arte del dribbling Kulusevski non è da meno rispetto, ad esempio,  al compagno di squadra Gervinho, proprio come l’ivoriano infatti Dejan è più propenso al dribbling in campo aperto piuttosto che nello stretto, e in più c’è da dire che prova lo stesso numero di dribbling ma glie ne riesce il 64%, contro il 50% dell’ex Roma. Per concludere il quadro sul giocatore c’è da sottolineare che spesso lo svedese riesce a fare la scelta giusta in campo dimostrando dunque maturità ed intelligenza tattica, cosa molto difficile da riscontrare nei giovani che cercano il più delle volte di strafare per mettersi in mostra, andando ad esempio al tiro anche in situazioni in cui invece, l’assistenza al compagno rappresenterebbe la soluzione migliore. Insomma un giocatore che per l’età che ha sembra essere già abbastanza completo, oltre ad essere tatticamente poliedrico. Ha ricoperto in campo infatti sia il ruolo di esterno(nel 433 e nel 442) sia quello di mezzala. Nonostante dunque la tecnica non sia sopraffina le qualità tecnico-tattiche oltre che fisiche del giovane talento di casa Atalanta fanno pensare che la Juventus sia riuscita ad assicurati l’ennesimo potenziale top player, anche se ovviamente la risposta definitiva la darà il campo.

Check Also

BERTONE, Il Cardinale consiglia: “Bianconeri facciano esercizi spirituali”

Tarcisio Bertone, cardinale e tifoso juventino, ha preso la parola a Radio Sportiva. SU JUVENTUS-LIONE: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *