Home / blu / La Juve raddoppia e blinda anche Sturaro

La Juve raddoppia e blinda anche Sturaro

Dopo il rinnovo di Rugani, oggi è arrivato anche quello di Stefano Sturaro. Il mastino bianconero ha prolungato il contratto con il club torinese fino al 2021. Si è detto entusiasta : “Il difficile non era tanto arrivare alla Juve, quanto rimanerci. Vorrei restarci tutta la vita”. La favola Juve, dunque, per il centrocampista continua e con sudore, fatica e impegno spera di vestire la maglia bianconera per sempre. Intanto continua la preparazione in vista della sfida di sabato sera contro la Roma. Per contrastare il capocannoniere del campionato, Allegri ha intenzione di schierare Andrea Barzagli. Il centrale toscano, dopo l’infortunio, sta facendo grandi progressi, ma la decisione finale ci sarà solo all’ultima rifinitura. Per l’attacco il ct livornese sta ancora pensando se far partire titolare la coppia Higuain-Dybala, relegando così Mandzukic in panchina. La Joya ha rilasciato un’intervista nella quale ha affermato di stare meglio, anche se non al 100%. L’attaccante juventino ha poi rivelato di trovarsi bene sia con Higuain che con Mandzukic e di essere sicuro che l’opzione tridente potrebbe essere vincente, magari anche a partita in corso. In tema di mercato prosegue la telenovela Juve-Witsel: i russi vogliono evitare l’autogol economico, cioè perdere a zero un giocatore acquistato a 40 milioni nel 2012 e chiedono alla Vecchia Signora 10 milioni. Marotta insiste per una cifra non superiore ai 6 milioni, ma fra domanda e offerta c’è un margine di trattativa. La pista più probabile sembra essere 6 milioni più bonus. L’obiettivo della Juve è quello di chiudere la trattativa Witsel a ridosso di Natale, non oltre Capodanno. Il centrocampista sarebbe così disponibile per gli ottavi di finale contro il Porto. Chissà se anche stavolta i piani di Marotta saranno vincenti.

Check Also

UNDER23, Termina l’isolamento fiduciario

Con un comunicato stampa apparso pochi minuti fa sul sito ufficiale della società juventus.com e poi diramato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *