Home / blu / La Juve vuole Verratti ma il pericolo è il Bayern Monaco di Ancelotti

La Juve vuole Verratti ma il pericolo è il Bayern Monaco di Ancelotti

«Pensare a un ritorno di Verratti in Italia è molto difficile»,ripete spesso il suo storico agente Donato Di Campli, in queste ore impegnato per l’affare Orsolini con la Juve. E proprio il club bianconero vorrebbe in estate trasformare quel «molto difficile» in possibile, per chiudere il cerchio e portare a termine ciò che invece nel 2012 era stato solo sfiorato. Se Verratti rischia di essere irraggiungibile per le italiane è per una mera questione economica, non certo tecnica: l’azzurro, come ha più volte sottolineato il suo manager, vuole vincere e il progetto bianconero risponde alle ambizioni dei top player.

Ma non è l’unica tentazione. L’ultima arriva dalla Francia ma porta dritto in Baviera. Perché a Parigi sono convinti che il Psg riceverà nei prossimi mesi un’offerta per Verratti da parte del Bayern Monaco. Nel frattempo il corteggiamento è già cominciato e a portarlo avanti sarebbe Carlo Ancelotti in persona. Che il tecnico italiano sia un estimatore di Verratti è storia conosciuta: lo ha allenato proprio al Psg e vorrebbe lavorarci ancora. Anche perché il Bayern prima o poi dovrà pensare alla sostituzione di un leader del centrocampo come Xabi Alonso. Normale dunque che nella lizza dei papabili entri anche un elemento di grande qualità come il regista del Psg, soprattutto se Ancelotti, come sembra, insisterà con la proprietà nella prossima sessione di mercato per averlo a disposizione, costi quel che costi. Anche perché il portafogli bavarese è considerevole, nell’ottica di accontentare sia le richieste del Psg – club che non ha bisogno di soldi – sia le naturali esigenze di Verratti a livello contrattuale. Insomma, le grandi manovre attorno al numero 10 della Nazionale sono già cominciate e il Bayern possiede carte importanti da giocarsi per attirare l’attenzione del ragazzo. A cominciare, appunto, dalla “rassicurante” presenza di Ancelotti, ma non solo: il Bayern parte ogni anno in prima fila per la conquista della Champions League e cavalca ambizioni che lo rendono uno dei club più grandi d’Europa. Ma anche la Juventus, sotto questo punto di vista, può vantare un certo appeal. Nella grande corsa si è da tempo inserita anche l’Inter, unica società in Italia, ora come ora, che pare in grado di rivaleggiare con i bianconeri par arrivare a questo tipo di top player.

La Juventus non è solita partecipare a rilanci d’asta, ma nelle ultime settimane l’ad bianconero Beppe Marotta aveva ancora una volta evidenziato come anche nella prossima sessione di trattative, quella estiva, il club abbia la possibilità di pianificare una o più operazioni in “modalità Higuain o Pjanic”, dunque versando cifre importanti e, qualora risultasse necessario, pure esercitando l’opzione riguardo il pagamento di eventuali clausole rescissorie. Dunque nei programmi di giugno dei bianconeri c’è l’idea di un altro mercato in grande stile come successo qualche mese fa. Il discorso relativo alla valutazione del cartellino di Verratti è legato a troppe variabili per attestarsi su una cifra condivisa. Dipenderà dalle offerte, ma anche dalla domanda. E il Psg finora non ha fissato il prezzo, anche se in questo senso i 105 milioni sborsati dal Manchester United per assicurarsi Paul Pogba possono servire da punto di riferimento per effettuare valutazioni più precise. L’offensiva di Ancelotti è già partita: la grande corsa a Verratti è già cominciata. A riportare la notizia è Tuttosport.

Check Also

GRASSANI: “Al momento Juventus non coinvolgibile sul profilo disciplinare”

Mattia Grassani, noto avvocato esperto in diritto sportivo, ha parlato del caso legato all’esame sostenuto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *