Home / Calciomercato / La Juventus ha detto no a 70 milioni

La Juventus ha detto no a 70 milioni

Mai come ora si può quindi parlare di una panchina d’oro a disposizione di Allegri. Non tanto e non solo in termini di soldi spesi per portare queste alternative a Torino, quanto in termini di soldi non incassati nella sola finestra di gennaio. A cominciare dall’offerta milionaria che il Crystal Palace ha presentato a più riprese per Simone Zaza, salita in poche settimana fino a quasi 30 milioni: un “no” tutt’altro che scontato per quella che rimane la quarta punta nelle gerarchie juventine. Passando dagli oltre 20 milioni che non sono bastati a De Laurentiis nemmeno per imbastire una trattativa con Marotta per regalare il pupillo Rugani al suo mentore Sarri. Fino ai 17 milioni rifiutati dalla Premier per Simone Sturaro, in seconda fila nella griglia dei centrocampisti bianconeri. Una solidità societaria confermata anche e soprattutto dalla gestione momentanea della situazione legata a Martin Caceres: nei prossimi giorni Daniel Fonseca scoprirà le sue carte per giugno, in attesa di capire se poter effettivamente discutere di un rinnovo la Juve ha saputo confermarsi forte a sufficienza per correre il rischio di rinunciare a 3-4 milioni di euro e magari di perdere a zero un giocatore piuttosto che rinforzare in corsa una diretta avversaria come la Roma ad esempio. Altro che braccino corto, per fare i soldi non bisogna pensare solo ai soldi ma ottenere grandi risultati: chiedere in corso Galileo Ferraris a Torino per informazioni… A riportarlo Calciomercato.com.

 

sturaro2

Check Also

DOUGLAS COSTA, Due big sul brasiliano

Secondo quanto riportato da calciomercato.com Manchester City e PSG sarebbe interessate al brasiliano della Juventus …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *