Home / News / LECCE-JUVENTUS, il match-report dei due punti persi al Via del Mare

LECCE-JUVENTUS, il match-report dei due punti persi al Via del Mare

Come di consueto, ecco il match-report della gara conclusasi poco fa. Ecco quanto si legge sul sito ufficiale della Juventus

“Mancosu risponde a Dybala,1-1 a Lecce
Bianconeri fermati sul pareggio in Puglia. Non bastano una supremazia netta e il forcing finale

La Juve non va oltre l’1-1 contro un Lecce molto attento e a tratti anche coraggioso. I bianconeri tengono a lungo in mano il gioco, come da prassi ormai consolidata, creano anche un buona mole di occasioni, ma non riescono a passare se non dal dischetto. E, dal dischetto, poco dopo, pareggiano i pugliesi, che riescono poi a resistere alla pressione, costringendo la squadra di Sarri al secondo pareggio stagionale.

JUVE BELLA, MA IMPRECISA
In avvio il tecnico bianconero ricorre al turnover e rilancia Danilo sulla fascia destra, Emre Can e Bentancur ai lati di Pjanic a metà campo e la coppia d’attacco Dybala Higuain, con Bernardeschi trequartista. Il Lecce gioca, non si limita a contenere e infatti la prima conclusione in porta è di Petriccione, che spara una sventola centrale, respinta da Szczesny. I pugliesi sono subito aggressivi, mentre i bianconeri appaiono un po’ svagati, ma la gara è piacevole e la Juve ha comunque spazio per attaccare. Bernardeschi e Dybala vengono fermati da una serie rocambolesca di rimpalli, quindi Higuain va a segno deviando da due passi il tiro-cross di Alex Sandro, partendo però da posizione irregolare rilevata dal VAR. Quando la squadra di Sarri trova il ritmo, la partita diventa a senso unico. Dybala imbecca Higuain che chiude troppo il diagonale, poi è lui stesso ad alzare troppo il sinistro e quando invece indirizza in porta, dopo uno splendido suggerimento di Bernardeschi, Gabriel riesce a deviare in angolo. I ritmi, dopo mezz’ora di assedio, inevitabilmente calano e così si arriva all’intervallo senza altri sussulti.

BOTTA E RISPOSTA DAL DISCHETTO
Quando le squadre tornano in campo la Juve riprende a spingere e dopo cinque minuti passa: Petriccione interviene in scivolata e tocca duro Pjanic al limite dell’area, ma comunque all’interno dei sedici metri. Valeri ricorre al VAR e concede il rigore, che Dybala trasforma infilando il rasoterra a fil di palo. Il Lecce reagisce e Szczesny vola a deviare la sventola di Mancosu sul primo palo. Subito dopo però, un traversone in area, deviato prima da Lucioni e poi dal braccio di de Ligt porta Valeri a decretare un altro rigore, questa volta realizzato da Mancosu.

LA JUVE CI PROVA, IL LECCE RESISTE
Sarri interviene inserendo Cuadrado al posto di Danilo e la Juve ha un’occasione d’oro per passare: Bernardeschi viene pescato in profondità da Alex Sandro, controlla perfettamente ed evita l’uscita di Gabriel, però con la porta sguarnita, colpisce il palo esterno. Un fastidio muscolare ferma Pjanic, sostituito da Khedira, poi tocca a Rabiot, dentro per Emre Can. La partita è ormai un monologo bianconero, ma la porta di Gabriel sembra stregata: Bonucci alza troppo da due passi un pallone invitante, Dybala mette fuori un delizioso sinistro a giro, de Ligt schiaccia troppo di testa un traversone invitante di Bernardeschi… E anche il forcing finale non serve. Finisce con un pareggio e con la netta sensazione che, con maggior precisione e cattiveria, sarebbe potuta andare diversamente.”

Check Also

PIRLO-SOCIAL, “Nei momenti difficili esce fuori il carattere della squadra. Al lavoro per domenica”

L’allenatore della Juventus Andrea Pirlo, ha commentato sui social il 2-2 rimediato ieri in casa della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *