Home / News / LIPPI: “La Juve di gran lunga più forte. Sarà arrabbiata dopo la prima sconfitta. Allegri? Uno dei migliori al mondo”

LIPPI: “La Juve di gran lunga più forte. Sarà arrabbiata dopo la prima sconfitta. Allegri? Uno dei migliori al mondo”

Marcello Lippi, ex allenatore della Juve e ultimo ad alzare la Champions League con la Signora, ha parlato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole:

Sulle possibilità del Milan contro la Juve:

“Nella partita secca ci sta tutto. Il Milan sta crescendo, è in fase di formazione e ha bisogno di Higuain in area. Certo, la Juve è di gran lunga la più forte”

Lo United ha indicato la strada?

“Sì, una strada che comincia per C, diciamo la casualità… S’è difeso per 85’, poteva prendere 4 gol, il palo, la traversa, e poi ha vinto con una punizione e una specie di autogol. La Juve sarà molto arrabbiata per aver perso la prima partita in stagione e in questo modo”.

Su Ronaldo:

“Si parla sempre di gabbie, raddoppi, marcature triple: poi magari ne hai tre su di lui e un altro è libero di far gol. Il Milan non può far altro che giocare al massimo delle possibilità, compatto, concentrato, e sperare che Suso e Higuain colpiscano. Ci sono diversi assenti, mi pare”.

Gattuso contro Allegri

“Tutti vogliamo bene a Rino. Ma non è solo un bravo ragazzo: a quei livelli non basta la grinta. Le sue squadre sono organizzate, cercano il gioco. Ha già fatto bene contro la Juve e ha tutto quello che serve a un bravo giovane allenatore”.

Allegri è ormai uno dei migliori al mondo

“Sì lo è. Non è mica facile vincere quello che ha vinto lui, più due finali di Champions che valgono quasi come una coppa. Glielo dice uno che ne ha fatte 4 e purtroppo ne ha vinta una sola…”.

Sui paragoni Allegri-Lippi:

“Sì: legge bene le partite e le gestisce con i cambi. Fa sentire tutti importanti e fa giocare tutti, equilibrando le energie, perché una grande deve avere 20 titolari. E riguardo ai giocatori, ultimo Bentancur, più che cambiarli li arricchisce, gli insegna a giocare in più ruoli”.

Su Dybala:

“Che è un grandissimo giocatore. All’inizio ha avuto qualche problema fisico, adesso sta crescendo anche grazie al rapporto e alla sintonia con Ronaldo. Come dice Allegri, è il migliore per inventare gioco tra le linee, non sta lì davanti e aspetta”.

Check Also

VECINO: “Superare la Juve? Non perde punti, ma c’è fiducia”

Vecino ha parlato ai microfoni di Sportmediaset: “Purtroppo ho iniziato tardi la preparazione a causa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.