Home / blu / LONGHI: “Llorente segnava anche quando era alla Juve”

LONGHI: “Llorente segnava anche quando era alla Juve”

Bruno Longhi ha parlato a Radio Sportiva:

SU CONTE: “I professionisti devono fare l’interesse del club per il quale lavorano, con la massima concentrazione. Il tifoso della Juventus si sente “tradito”, ma questi discorsi vanno lasciati stare”.

SU LLORENTE: “I gol li aveva segnati anche alla Juventus, è un giocatore sul quale il Napoli può contare. E’ un giocatore che ha peso, può essere un’arma in più per una squadra che prima puntava tanto sul fraseggio ed i piccoletti in attacco”.

SUL CALCIO DELLA SERIE A: “Il nostro calcio, piuttosto, è un po’ schiavo del tatticismo che ti imbriglia. Questo porta i giocatori a mettere meno rapidità, perché è necessario mantenere la concentrazione”.

SU EMRE CAN E DYBALA AL POSTO DI KHEDIRA E PJANIC: “Sembrano giocatori simili, ma a fare la differenza sono le scelte dell’allenatore, mentre il cambio Dybala-Pjanic non ha senso perché giocano in ruoli diversi”.

SUL PESO DELL’ASSENZA DI CHIELLINI: “Pesa tantissimo, inutile aggiungere altro”.

SULLA JUVENTUS: “Che la Juventus non stia facendo meraviglie è davanti agli occhi di tutti, la gara contro il Verona è una testimonianza chiara. Per il gioco visto al Napoli, Sarri ha bisogno di giocatori diversi. Il tecnico bianconero lo sa, probabilmente arriverà al risultato attraverso una via di mezzo”.

SULL’INTER: “E’ prima a punteggio pieno è sta facendo molto bene, ma quando si combatte in una potenza come la Juve bisogna anche sperare che la squadra bianconera incappi in una stagione storta”.

SU LEAO: “Sa mettere in difficoltà gli avversari anche da prima punta, ma è giovane e mi sembra molto difficile che riesca da solo a risolvere tutti i problemi del Milan. Sicuramente è destinato a diventare un grande giocatore”.

Check Also

FOTO-SOCIAL, “Rinnovo per Di Pardo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.